Acquisizioni 2013

Pierre Bonnard, "Ballerine"

L’11 dicembre 2013, il museo d'Orsay ha acquisito a un’asta pubblica un quadro di Pierre Bonnard dipinto attorno al 1895 e intitolato Ballerine e conosciuto anche con il nome di Il Ballo.
Questo quadro, il cui soggetto è inconsueto nella tematica bonnardiana, raffigura la destra del proscenio della grande sala all’italiana dell’Opéra Garnier con quattro file di ballerine inquadrate dall’alto, quasi in verticale sul palcoscenico.
Con ogni probabilità, Bonnard si trovava nell’anfiteatro dove, munito dell’apposito binocolo da teatro, ammirava lo spettacolo; il che spiegherebbe l’inquadratura insolita del quadro stretta sulle ballerine con l’esclusione dell’orchestra e degli spettatori. La scena parzialmente coperta da una tinta di colore bruno nell’angolo inferiore destro che ne delimita il bordo arrotondato è separata da quest’ultimo da un’ombreggiatura sui toni del blu e del verde.
Questa visuale richiama alcune composizioni di Degas sulla danza come Prova di balletto sulla scena del 1874 o Il Balletto (pastello) realizzato attorno al 1876, entrambi custoditi al museo d'Orsay.

Impossibile stabilire se questo quadro, emblematico della fase nabi di Bonnard, sia stato regalato dal suo autore o acquistato da Thadée Natanson che ne fu il primo proprietario. L’acquisizione di quest’opera completa la collezione di piccoli formati in stile nabi mettendo altresì in luce il rapporto che unisce Bonnard a Degas attraverso un soggetto basilare della modernità: lo spettacolo di scena. Il dipinto costituisce anche un’importante pietra miliare che evoca il nesso tra pittura e fotografia al tramonto del XIX secolo.

Pierre BonnardBallerine © ADAGP - Musée d'Orsay, dist. RMN-Grand Palais / Patrice Schmidt

Verso l'alto

Edgard Maxence, "La leggenda bretone"

La leggenda bretone, opera risalente al periodo della maturità artistica del pittore, è una delle composizioni simboliste più ambiziose di Edgard Maxence. La scena, illuminata da una splendida luna piena rossa, mostra una giovane donna vestita con l’abito della festa di Pont-Aven e che, rifugiatasi presso un dolmen, sembra terrorizzata alla vista di una figura femminile che potrebbe essere una fata o una maga... Leggere il seguito

Edgard MaxenceLa leggenda bretone© Adagp - Musée d'Orsay, dist. RMN-Grand Palais / Patrice Schmidt

Verso l'alto

Adolfo Wildt, "Vir temporis acti"

Scultura acquistata nell'ottobre 2013 :
Adolfo Wildt (1868-1931)
Vir temporis acti
1921 (modello, 1915)
Bronzo
Cm 55 x 55

Alcune acquisizioni recenti

Verso l'alto

Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter