Musée d'Orsay: Allestimenti di disegni

Allestimenti di disegni

Il pastello al tempo del Simbolismo


Odilon RedonMazzo di fiori di campo© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski
Gli artisti simbolisti desiderosi di allontanarsi dal Naturalismo trionfante nell’ultimo ventennio dell’Ottocento per rendere visibile l’invisibile ricorrono spesso e volentieri alla tecnica del pastello.
Mentre prendono le distanze dalla realtà per lasciare agire l’immaginazione, i pittori trovano in questa polvere dalla fragilità diffusa il mezzo ideale per creare immagini suggestive che veicolano un senso di mistero e di straniamento, propizie alla rêverie.

Sebbene il maestro indiscusso in materia resti Odilon Redon, anche la giovane generazione dei Nabis adotta questa tecnica.
Seguendo le orme di Paul Gauguin, questi ultimi cercano di rinnovare la pittura attraverso il colore. Essi trovano nella purezza e nella lucentezza delle tinte proprie al pastello un mezzo per attuare l’estetica formulata da Maurice Denis, teorico del gruppo, di una "superficie piana ricoperta di colori assemblati in un certo ordine" e mediante la stessa dare al colore tutta la sua forza espressiva.

Presentato Livello 0, Sala 8a, fino al 24 novembre 2018.


Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare

Facebook
TwitterInstagramGoogle+YouTubeDailymotion