Léon Ginain
Notre-Dame-des-Champs, progetto

Progetto per la chiesa di Notre-Dame-des-Champs, sita sul boulevard du Montparnasse nel sesto arrondissement di Parigi. Prospetto ovest
Léon Ginain (1825-1898)
Progetto per la chiesa di Notre-Dame-des-Champs, sita sul boulevard du Montparnasse nel sesto arrondissement di Parigi. Prospetto ovest
1864
Matita, penna e inchiostro, lavis
Cm 66,7 x 50
© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski


Progetto per la chiesa di Notre-Dame-des-Champs, sita sul boulevard du Montparnasse nel sesto arrondissement di Parigi. Prospetto ovest

Projet pour l'église Notre-Dame-des-Champs, boulevard du Montparnasse à Paris (6e). Façade ouest [Progetto per la chiesa di Notre-Dame-des-Champs, sita sul boulevard du Montparnasse nel sesto arrondissement di Parigi. Prospetto ovest]


Oltre alle trasformazioni della rete viaria parigina, il barone Haussmann ha altresì dotato Parigi di un numero rilevante di edifici pubblici ed ha dato impulso alla costruzione di molte chiese, in particolare quella di Notre-Dame-des-Champs, la cui realizzazione è affidata all'architetto del sesto arrondissement, Léon Ginain. Quest'ultimo, per soddisfare la richiesta di Haussmann di un edificio sobrio ed essenziale che non sia in contrasto con il carattere popolare del quartiere, elabora un "progetto ristretto". L'architetto, tuttavia, si troverà ad operare potendo contare solo su stanziamenti che si fanno via via sempre più risicati.

Questo disegno del 1864, uno dei primi progetti presentati, rivela l'adozione di uno stile neoromanico, conforme al carattere economico richiesto. Dopo il successo del neogotico, il richiamo agli albori del Medioevo è una delle tecniche privilegiate dall'architettura religiosa. Sempre a Parigi, l'edificazione nello stesso periodo della chiesa di Saint-Ambroise sotto la direzione dell'architetto Théodore Ballu o di Saint-Pierre-de-Montrouge di Emile Vaudremer, testimoniano questa tendenza.
L'anno seguente, Ginain propone il progetto di una nuova facciata, come dimostra un altro disegno conservato al museo d'Orsay. Sempre in stile romanico e fiancheggiata da torri, la nuova facciata differisce dalla precedente per quanto riguarda l'organizzazione della campata centrale e per la scomparsa delle navate laterali a vista. Queste due proposte, tuttavia, sono molto più elaborate rispetto al progetto definitivo.
Nel 1867, iniziano i lavori per la costruzione dell'edificio. Al momento dell'inaugurazione, nel novembre del 1876, nel prospetto non vi è più traccia delle due torri che sono state sostituite da un unico campanile. Nelle sue Memorie, Haussmann ammette che "le esigenze economiche da lui imposte [...] costrinsero Ginain a semplificare il progetto".




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter