Jules Deperthes
Palazzo delle esposizioni

Progetto per un palazzo delle esposizioni, alzato della facciata principale
Jules Deperthes (1864-1937)
Progetto per un palazzo delle esposizioni, alzato della facciata principale
1890 circa
Pennino ed inchiostro nero, matita nera e acquerello su carta da lucido
Cm 39,3 x 106
© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski

Projet pour un palais d'expositions, élévation de la façade principale [Progetto per un palazzo delle esposizioni, alzato della facciata principale]


Proveniente dal fondo Louis Varcollier, questo disegno su carta da lucido che parteciperà al progetto del Petit Palais per l'Esposizione Universale del 1900 e sul quale l'autore scrive la dedica "Al mio straordinario amico Varcollier", fu in un primo tempo considerato come un progetto per un palazzo delle Belle-arti. Jules Deperthes, infatti, assieme al padre Edouard, aveva partecipato al medesimo concorso (V premio).
In realtà, si tratterebbe di un disegno preparatorio al concorso in vista del Grand Prix di Roma del 1892 intitolato "Un Museo di Artiglieria". Questo concorso coronava la fine degli studi alla Scuola delle Belle-arti e apriva sbocchi professionali agli architetti. In quello stesso anno, il primo premio fu attribuito ad Emile Bertone mentre Jules Deperthes, all'epoca giovane studente, ottenne il Second Prix.

In base al programma, l'edificio avrebbe dovuto essere eretto lungo il corso di un ampio fiume, adottare uno stile dal carattere sobrio, essere protetto da un portone monumentale e da una spianata separata dalle strade e dal lungofiume da fossati. Sulla facciata sono inseriti elementi architettonici caratteristici di un edificio pubblico di rilievo e che conferiscono all'insieme un aspetto imponente: alte arcate, padiglioni ad angolo, una porta centrale con tetto a guisa di loggia, un muro di sostegno.
La funzione espositiva è indicata dalle grandi vetrate e dai lucernari che sovrastano la copertura metallica del tetto per lasciare filtrare la luce naturale. Le armi della guerra di mare la cui rappresentazione era raccomandata del programma del concorso, non sono visibili. Tuttavia le sculture e l'organizzazione degli ingressi lasciano presagire una loro possibile collocazione.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter