Frédéric Marin
Villa di M. B. al Parco Saint Maur

Villa di M. B. al Parco Saint Maur, piante, alzati, sezione trasversale
Frédéric Marin (actif entre 1885 et 1905), Joseph Graf (1869-1934)
Villa di M. B. al Parco Saint Maur, piante, alzati, sezione trasversale
1903
Inchiostro, disegno a inchiostro sfumato e acquerello
Cm 67,5 x 89,5
© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski

Villa de M. B… au Parc Saint Maur, plans, élévations, coupe transversale[Villa di M. B. al Parco Saint Maur, piante, alzati, sezione trasversale]


Verso la metà del XIX secolo, la città di Saint-Maur-des-Fossés, situata a una quindicina di chilometri a sud- est di Parigi, conosce una rapida ed intensa crescita demografica. Il fenomeno si intensifica ulteriormente a partire dal 1859, con l'arrivo della ferrovia. Il barone Haussmann desidera, infatti, favorire lo spostamento della popolazione operaia verso la periferia di Parigi. Tuttavia, a Saint-Maur, il prezzo poco elevato a metro quadrato attira anche gli uomini d'affari, i commercianti e gli industriali. Il frazionamento progressivo del vecchio parco del castello permette alle classi sociali più agiate di trovare con facilità terreni da edificare o fare costruire le loro ville in un quartiere residenziale.
L'abbondante domanda favorisce il fiorire di un numero rilevante di mestieri legati all'edilizia. Molti architetti si insediano sul posto. Joseph Graf, diplomato presso la Scuola delle Arti Decorative apre, assieme a Frédéric Marin, uno studio di architettura. Il libro di Marius Tranchant, L'Abitazione del Parigino nella periferia pubblicato nel 1908, segnala Graf come uno dei "migliori architetti della periferia", per i suoi "meriti di tecnico e di artista".

Questo disegno di qualità, riccamente inserito nel filone di ispirazione Art nouveau-1900, riflette un tipo di costruzione suburbana di stile neo normanno. Le sue caratteristiche sono il mattone, gli spioventi di legno, le torrette e le decorazioni di ceramica smaltata. La presenza di un'ampia vetrata lascia pensare ad una bottega di artista. Esistono un gran numero di varianti di ville di questo tipo, realizzate lungo le coste francesi e tipiche dell'architettura balneare di fine ottocento. Ancora oggi, a Mers-les-Bains (Somme) si possono ammirare due ville gemelle realizzate con uno stile identico, La Luna e Il Sole, ad opera di Graf. La costruzione di Saint-Maur, invece, non è sopravvissuta alle varie ristrutturazioni della città.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter