René Lalique
Portacipria

Portacipria
René Lalique (1860-1945)
Portacipria
Antecedente al 1909
Cristallo tagliato e inciso, argento sbalzato e cesellato, petalo di vetro modellato, inciso e smerigliato
Cm 11 x 9,8
© ADAGP, Paris - Musée d'Orsay, dist RMN-Grand Palais / Jean-Jacques Sauciat


Set da toletta

Boîte à poudre [Portacipria]


Lalique è l'autore di innumerevoli e raffinati oggetti da toletta che, in genere, non facevano parte di un servizio. Questo portacipria, invece, appartiene ad un set da toletta, antecedente al 1910 e che sembra così costituire un'eccezione nell'opera del celebre gioielliere. L'insieme è costituito da un grande portasapone, uno specchio con manico, una spazzola e un secondo portacipria di dimensioni minori rispetto al primo - In origine, questa serie di oggetti, tutti appartenenti alle collezioni del museo d'Orsay -, era completata da uno specchio e da una spazzola con manico oggi andati dispersi.

Il ricorso al vetro modellato e colorato, all'argento satinato, sbalzato e cesellato, al cristallo tagliato e inciso contribuisce ad avvicinare maggiormente questo servizio alla lavorazione dei gioielli nei quali Lalique inserisce elementi di vetro sin dagli anni 1890. Lo stile, tuttavia, sorprende per la sua sobrietà, più soggettiva che descrittiva: soltanto alcuni petali di rose, sparsi e appena sfumati di giallo e steli di rose ricoperti di spine che seguono linee perfettamente regolari, contribuiscono a questa discreta e candida armonia che caratterizza l'insieme.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter