Antoine-Louis Barye
Guerriero tartaro a cavallo

Guerriero tartaro a cavallo
Antoine-Louis Barye (1795-1875)
Guerriero tartaro a cavallo
1855
Bronzo patinato, parzialmente smaltato e dorato
Cm 49,5 x 44 x 27
© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Christian Jean


Guerriero tartaro a cavallo
Guerriero tartaro a cavallo

Guerrier tartare à cheval [Guerriero tartaro a cavallo]


Nella produzione dei bronzi di Barye sono presenti alcuni straordinari pezzi decorati con smalti champlevé. Questi articoli sembrano avere tutti la stessa provenienza: la collezione di Emile Martin. Quest'ingegnere, socio della fonderia Barye e alla guida di quella di Fourchambault, ha reso possibile la diffusione industriale dei bronzi di Barye dal 1845 al 1857. La forma audace di questi bronzi arricchiti da una vivace policromia è certamente da attribuire allo stesso Martin. Difatti, una siffatta interpretazione che tende a trasformare il prodotto della statuaria in un oggetto di pura decorazione, non è senza dubbio da ascrivere al gusto di Barye! Tuttavia, dovendo citare un modello del celebre scultore al quale questa ricca policromia si addice in modo straordinario, l'esempio che viene subito in mente è proprio questo feroce guerriero tartaro. La presenza contemporanea di smalto e doratura ha una sua giustificazione: consente di rafforzare l'esotismo, puramente immaginario, del guerriero.

Nelle innumerevoli versioni dello stesso soggetto non è presente, in genere, l'importante zoccolo neorinascimentale. Tali varianti, inoltre, conservano l'aspetto più familiare del bronzo patinato. Quest'esemplare policromo è apparentemente unico. La data del 1855 iscritta sullo zoccolo corrisponde a quella della prima Esposizione universale di Parigi. In quest'occasione, Barye riceve una medaglia d'oro. Il Guerriero tartaro, in bronzo patinato, figura anche nel catalogo delle opere inviate dall'artista. È facile immaginare la positiva accoglienza ottenuta da questo tipo di originale statuetta presso una clientela borghese, desiderosa di arricchire l'arredamento della propria abitazione.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter