Louis Majorelle
Nenufaro

Nenufaro
Louis Majorelle (1859-1926), Daum (exécutant)
Nenufaro
1902 circa
Bronzo dorato e cesellato, pasta di vetro
Cm 60,5 x 16,5
© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) - Hervé Lewandowski

Nénuphar [Nenufaro]


Gli orientamenti naturalistici raccomandati da Gallé trovano un campo di applicazione particolarmente fertile nella produzione di apparecchi di illuminazione elettrica, nonostante il ritardo accumulato da Gallé in questo specifico ambito. Fatto, questo, riconosciuto dallo stesso artista, come testimonia una sua lettera datata 19 gennaio 1902 e inviata all'amico Roger Marx: "Mi occupo adesso di illuminazione ma avrei dovuto iniziare 4 o 5 anni fa".

In compenso, però, sin dall'Esposizione universale del 1900, altri due nomi prestigiosi della Scuola di Nancy, Louis Majorelle e la Maison Daum, presentano alcuni modelli di illuminazione nati dall'unione delle competenze di entrambi. Nell'ambito di questa collaborazione, avviata sin dal 1898, i mastri vetrai della Maison Daum forniscono il loro contributo con la realizzazione di copri lampadine Senza dubbio, però, l'autore principale delle lampade è Majorelle che ne disegna la struttura e decide dimensioni e forma, in questo caso il nenufaro. Nella maggior parte dei casi, la forma stessa si abbina con i motivi decorativi scelti per le maniglie, le bocchette per serratura e le applicazioni in bronzo dei mobili realizzati da Majorelle e venduti o in vari negozi dislocati in Francia, o ad una clientela internazionale.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter