Jan W. Eisenlöffel
Bollitore

Bollitore posto sopra una base e munito di un fornello ad alcol
Jan W. Eisenlöffel (1876-1957)
Bollitore posto sopra una base e munito di un fornello ad alcol
1902 circa
Ottone, legno e canna
Cm 21,3 x 33,4
© Eisenlöffel - RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski


Bollitore posto sopra una base e munito di un fornello ad alcol
Bollitore posto sopra una base e munito di un fornello ad alcol
Bollitore posto sopra una base e munito di un fornello ad alcol

Bouilloire sur support avec un réchaud à alcool [Bollitore posto sopra una base e munito di un fornello ad alcol]


Nel 1896, Jan Eisenlöffel, dopo aver completato la sua formazione da orafo ad Amsterdam e a San Pietroburgo, viene assunto alla manifattura della Amstelhoek di Amsterdam in qualità di direttore artistico degli stabilimenti preposti alla lavorazione dei metalli. Nel 1901, Eisenlöffel abbandona la Amstelhoek per mettersi in proprio e nel 1903 fonda la De Woning, facendo così concorrenza ai suoi vecchi datori di lavoro.

Sulle orme dei britannici Dresser e Benson, Eisenlöffel crea una linea di oggetti per la casa in argento, ottone e rame, dalle forme semplici e pratiche. Tuttavia, lo stile più austero dell'orafo olandese, caratterizzato da forme angolose e da una raffinata decorazione lineare, si distingue nettamente da quello dei suoi predecessori inglesi. Le creazioni di Eisenlöffel – servizi da tè, da caffè, da cioccolata, i fornelli, le lampade e altro ancora. – esposte a Dresda (1901), Düsseldorf e Torino (1902) o Copenhagen (1904) e pubblicate sulle riviste tedesche di decorazione suscitano in particolare l'ammirazione di Henry van de Velde: "Non conosco nessun altro artigiano del metallo al mondo che, in questo momento, realizzi opere di così grande perferzione artistica" (Innen-Dekoration. Agosto 1902).

Questo modello di bollitore, presente nella sezione olandese dell'Esposizione internazionale di Torino nel 1902, è rimasto in produzione per molti anni. Questo esemplare, tuttavia, è senza dubbio un po' più recente, come la marca di forma rotonda JE/JAN EISENLÖFFEL apposta due volte sull'oggetto. A quanto sembra, questa scritta è stata utilizzata soltanto tra il 1903 e il gennaio del 1908, periodo durante il quale l'artista lascia Amsterdam per raggiungere temporaneamente le Vereinigte Werkstätten für Kunst im Handwerk (Officine unite per arte nell'artigianato) a Monaco di Baviera.


Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter