Marcel Kammerer
Grand Hotel Wiesler a Graz

Grand Hotel Wiesler a Graz, Austria; Sala delle Feste
Marcel Kammerer (1878-1969)
Grand Hotel Wiesler a Graz, Austria; Sala delle Feste
1909
Matita, penna ed inchiostro, acquerello e gouache sur carta da ricalco
Cm 37,8 x 31,2
© DR - RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski

Grand hôtel Wiesler à Graz (Autriche), salle des fêtes [Grand Hotel Wiesler a Graz, Austria; Sala delle Feste]


Questo disegno raffigura l'ingresso della sala dei ricevimenti – detta anche sala delle feste – del Grand Hotel Wiesler a Graz in Austria, il cui allestimento fu effettuato in due riprese dall'architetto-decoratore Marcel Kammerer. Dapprima allievo ed in seguito collaboratore di Otto Wagner, artista viennese alla testa del movimento secessionista, Kammerer ha anche ricevuto una formazione nel campo pittorico ed è principalmente conosciuto per l'enorme quantità di disegni da lui realizzati. Il Grand Hotel Wiesler fu allestito nel 1903-1904 in un edificio Rinascimentale successivamente ampliato negli anni 1906-1909. Questa seconda commissione diede a Kammerer l'occasione per creare un insieme coerente. L'artista ideò, infatti, sia l'allestimento interno, sia tutta la mobilia dell'hotel. Tuttavia, lo stile dell'architetto aveva già subito un'evoluzione rispetto alla prima commissione del 1903. Egli si lasciava alle spalle la fantasia e la linearità dell'Art Nouveau per adottare un linguaggio decorativo più puro e stilizzato. Il poetico e il funzionalismo trovavano così un punto di incontro. Per questo motivo, lo sfondo di questa sala è formato da placche di marmo che danno luogo ad un basamento, interrotto da griglie quadrettate che nascondono il sistema di riscaldamento. In alto, grandi pannelli rettangolari di vari tessuti formano riquadri che si alternano a strisce decorative verticali. I motivi, pur rimanendo ripetitivi, sono geometrici e sobri. Questi pannelli saranno poi ripresi sulle sedie come chiaramente mostrano le fotografie d'epoca. Le uniche curve sono quelle delle lampade che pendono da un soffitto a cassoni e di una donna: colei che stringe la maniglia della porta d'ingresso, con indosso un lungo abito elegante, con le rose in mano ma anche negli orecchini, e la curva di una decorazione a rilievo che si intravede sulla sinistra, una Venere che emerge da una conchiglia in balia dei flutti.


Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter