Georges Rey (attribuito a)
Il giorno e la notte

Il giorno e la notte
Georges Rey (attribuito a)
Il giorno e la notte
1900-1906
Acero e sicomoro, intarsi di legno di varie specie
Cm 130 x 89
© Musée d'Orsay, dist. RMN-Grand Palais / Patrice Schmidt

Le jour et la nuit [Il giorno e la notte]


Presente nel catalogo di una vendita pubblica organizzata a Versailles nel 1970, questa poltrona viene all'epoca presentata come "un esemplare un tempo appartenuto, stando alla tradizione, a Sarah Bernhardt". Nessun elemento certo, tuttavia, è in grado di confermare quanto sostenuto dalla tradizione ma, già di per se stesso, il rilevante accostamento tra il mobile e il nome della famosa attrice tragica sta a significare il grande influsso che la Bernhardt esercitò nel campo delle arti decorative. Il fatto che sul presunto autore del mobile, un certo Georges Rey, un ebanista o scultore su legno, si abbiano poche notizie, non fa che aumentare il carattere misterioso dell'oggetto.

La decorazione scolpita ricopre interamente la struttura del mobile. La raffigurazione dei rami e delle radici si propaga sui piedi, sui braccioli e sullo schienale della poltrona, formando così come una sorta di scrigno vegetale e floreale per la persona che vi è seduta. In alto, sulla sinistra, un girasole di grandi dimensioni ricorda l'interesse che questo fiore esercita presso alcuni artisti decoratori. Talvolta, in mezzo a questo rigoglio di forme organiche, si ha come l'impressione di distinguere le forme sinuose di un corpo femminile o perfino quelle di animali fantastici.
Sulla parte inferiore della poltrona, la presenza di un topo o di una lumaca sta a testimoniare che, a seguito della vasta diffusione delle stampe e delle composizioni giapponesi, questi piccoli animali e altre specie di insetti sono spesso raffigurati sugli oggetti d'arte europei.

Il giorno e la notte illustra in modo magistrale la passione che quest'epoca, caratterizzata da un'originalità ornamentale mai vista prima, ha per nuovi tipi di forme, siano esse floreali o vegetali. Molti ebanisti dell'Art nouveau, tra i quali Gallé, Vallin o Majorelle, hanno condiviso la passione per una ricchezza decorativa che, come nel caso di questo esemplare di poltrona, raggiunge un parossismo quasi barocco raramente uguagliato.


Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter