James Abbott McNeill Whistler
Combinazione in grigio e nero n°1

Combinazione in grigio e nero n°1 detto anche Ritratto della madre dell'artista
James Abbott McNeill Whistler (1834-1903)
Combinazione in grigio e nero n°1 detto anche Ritratto della madre dell'artista
1871
Olio su tela
Cm 144,3 x 162,5
© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Jean-Gilles Berizzi

Arrangement en gris et noir n°1, dit aussi Portrait de la mère de l'artiste [Combinazione in grigio e nero n°1 detto anche Ritratto della madre dell'artista]


Benché di nazionalità americana,Whistler divide la sua carriera tra Londra e Parigi. Frequenta il corso di Charles Gleyre alla Ecole des Beaux-Arts nel 1856 e, per garantire una migliore diffusione delle sue opere, si unisce due anni dopo ad Alphonse Legros e Fantin-Latour. Quest'ultimo lo raffigura al centro del suo Omaggio a Delacroix, a fianco di Manet e Baudelaire, inserendolo così nell'avanguardia artistica parigina.
Whistler è anche in buoni rapporti con Courbet che lo considera come un "suo allievo".

Combinazione in grigio e nero n°1, ritratto della madre dell'artista, ricorda, come indica il suo doppio titolo, la stilizzazione alla quale Whistler sottopone senza troppi indugi l'estetica realista degli esordi. L'intensità psicologica del ritratto si impone con forza nella sobrietà formale della composizione. L'opera, nel suo rigore lineare e cromatico dominato da tonalità neutre, prolunga le ricerche del pittore nel campo della stampa, ricerche che, come si può facilmente notare, sono evocate nel quadro da una Vista del Tamigi, appesa alla parete.

Whistler, abbandonando definitivamente l'aneddoto, presto attribuirà soltanto sottotitoli musicali alle sue composizioni pittoriche. Così facendo, mostrerà di privilegiare la nozione musicale legata all'armonia piuttosto che quella inerente al soggetto. Il quadro, acquistato dallo Stato francese nel 1891, è attualmente una delle opere più famose mai realizzate da un artista americano, conservata fuori dagli Stati Uniti.


Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter