Edward Steichen
Ciclamini

Ciclamini- Ritratto della Sig.ra Lydig
Edward Steichen (1879-1973)
Ciclamini- Ritratto della Sig.ra Lydig
1905 - 1913
Stampa fotomeccanica (fotoincisione) da un negativo originale
Cm 19,4 x 15
© Estate of Edward Steichen

Cyclamen - Mrs Philip Lydig [Ciclamini- Ritratto della Sig.ra Lydig]


Sin dal 1901, in una fotografia intitolata The Mirror, Steichen si era chiaramente ispirato a Utamaro (1753-1806), pittore giapponese di stampe soprattutto noto per le sue rappresentazioni di personaggi femminili. Intorno al 1905, il fotografo statunitense farà di nuovo riferimento all'artista giapponese ma, in questo caso, in maniera meno letterale, con questo ritratto di Rita de Acosta Lydig (1880-1929), cittadina americana celebre per la sua ricchezza, la sua eleganza, la sua bellezza e la sua passione per gli oggetti d'arte. Steichen che già da allora mostra un crescente interesse per i ritratti di donne eleganti, per la composizione di quest'immagine si richiama con estrema naturalezza al modello di genere nel campo della stampa.

La delicatezza e la grazia di cui l'artista ha un controllo magistrale e con le quali la modella occupa l'inquadratura dell'immagine, il superbo arabesco decorativo del ciclamino in primo piano presuppongono, da parte di Utamaro, uno studio approfondito dei ritratti delle belle cortigiane. Del resto, l'associazione tra la pianta e Mrs Lydig non è per nulla gratuita, in quanto quest'ultima è altresì conosciuta per la sua passione per i fiori.
L'unica differenza con lo stile di Utamaro risiede in questo sguardo pensieroso rivolto verso il fotografo e lo spettatore, sguardo che, di rado, incontriamo nelle modelle del pittore giapponese.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter