Etienne Clémentel
Famiglia che prende il tè

Famiglia che prende il tè in giardino
Etienne Clémentel (1864-1936)
Famiglia che prende il tè in giardino
1921
Autocromo stereoscopico
Cm 4,5 x 10,5
© Musée d'Orsay, dist. RMN-Grand Palais


Famiglia che prende il tè in giardino (dettaglio)

Famille prenant le thé au jardin [Famiglia che prende il tè in giardino]


Etienne Clémentel, uomo politico di primo piano che, tra il 1905 e il 1931 viene più volte nominato ministro, è anche un grande amante delle arti e soprattutto della pittura impressionista. Clémentel, che è anche pittore, pratica anche, per oltre venti anni, la fotografia a livello amatoriale. Le sue immagini riflettono in modo incontestabile il suo gusto per l'impressionismo. Filtrata dalle foglie degli alberi, la luce che illumina la fine di questo pranzo nella tenuta della famiglia Clémentel a Combronde (Puy-de-Dôme), non può non ricordare quella del Ballo del moulin de Galette di Renoir. Per la sua sfocatura e il disordine apparente della composizione, l'immagine evoca anche Bonnard e le fotografie da lui scattate all'interno della sua dimora del Grand Lemps e le sue pitture di Vernon.

L'originalità di Clémentel in campo fotografico consiste soprattutto nella scelta dell'autocromo stereoscopico. Questa tecnica abbina l'autocromo, il procedimento a colori dei fratelli Lumière commercializzato nel 1907, con il ricorso alla fotografia in rilievo, di gran moda durante il secondo Impero. L'utilizzo della macchina stereoscopica Verascope di Richard, un apparecchio portatile che consentiva di effettuare simultaneamente due scatti da due angoli lievemente diversi, permette di ottenere fotogrammi che, guardati con l'aiuto di un visore binoculare, danno l'illusione del rilievo.
Al di là di queste caratteristiche, questo ritratto di gruppo, per il suo soggetto e la sua lavorazione, è alquanto rappresentativo delle immagini che evocano scene di vita familiare, immortalate da ricchi fotografi amatoriali all'alba del nuovo secolo.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter