Louis Adolphe Humbert de Molard
Louis Dodier detenuto, 1847

Louis Dodier detenuto
Louis Adolphe Humbert de Molard (1800-1874)
Louis Dodier detenuto
1847
Dagherrotipo
Cm 11,5 x 15,5
© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski

Louis Dodier en prisonnier, 1847 [Louis Dodier detenuto, 1947]


Cresciuto in un'agiata famiglia parigina, il barone Louis Adolphe Humbert de Molard è uno di quei ricchi fotografi dilettanti che mettono il loro talento e la loro passione al servizio della fotografia nascente che pratica sin dal 1843 utilizzando, come in questo caso, il dagherrotipo. In seguito, a metà 1800, de Molard diventa uno dei primi fotografi francesi ad utilizzare il calotipo, tecnica su carta messa a punto in Inghilterra da Talbot che instaura il principio del positivo-negativo.
Talvolta le immagini realizzate dal barone sono scattate dal vero tuttavia, il più delle volte, tali immagini sono composte come vere e proprie scene di genere. Questa scelta è in parte giustificata tenendo presente la lunghezza della ripresa ma anche il retaggio della tradizione pittorica.
Molte composizioni di de Molard evocano scene di vita contadina. I personaggi, infatti, sono intenti a sbucciare i fagioli o a dividere un maiale in più pezzi. Sono le persone a lui più vicine, familiari e domestici, a fargli da modelli. Il barone fa così posare, in più occasioni, il suo amministratore, Louis Dodier, in uno dei ritratti che testimoniano l'intimità che regna tra i due uomini In questo caso, la scena non è del tutto esplicita. Siamo lungi dalla vita quotidiana e l'ispirazione che guida l'impaginazione è quella di riprodurre l'aspetto pittorico e letterario, in particolare dei racconti di Byron o dei romanzi di Walter Scott. La monumentalità della composizione, dovuta ad una sapiente illuminazione e ad una ripresa dal basso, evidenzia l'austera bellezza del protagonista dell'immagine.
Di questa scena conosciamo oggi tre versioni. Realizzando più immagini dello stesso soggetto, Humbert de Molard manifesta il suo interesse per la ricerca estetica, come gran parte dei fotografi dilettanti che, nella pratica della loro attività, non sono tenuti a considerare l'aspetto commerciale.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter