Anonyme
Obsession 1

Ossessione 1
Anonimo
Ossessione 1
1870 circa
Foto collage : quattro stampe ed elementi inseriti
Cm 17,8 x 22
© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay), Hervé Lewandowski

Obsession 1


Dal momento in cui la fotografia su carta fa la sua comparsa, si assiste ad un utilizzo diverso dal solito delle immagini. Difatti, l'assemblaggio di molte fotografie tramite la tecnica del collage è una pratica correntemente praticata già a metà Ottocento, in particolare per gli album destinati alla cerchia familiare nel mondo anglo-sassone.

Questo collage di fotografie rientra in una categoria particolare, per il suo soggetto in cui è presente un lieve richiamo ad una scena cruenta e per la brutalità della sua fattura. Tale collage faceva inizialmente parte di una raccolta, oggi smembrata, di una cinquantina di fogli ma della quale il museo d'Orsay ha potuto riunire, in seno alle sue collezioni, sei diverse tavole. Il tema di quest'opera, d'ispirazione sado-masochista, si rifà alla scena di un'esecuzione. Le pitture di martiri o di esecuzioni capitali hanno forse influenzato l'autore. Inoltre, a quanto sembra, anche il teatro ha esercitato un ruolo determinante: la composizione, la disposizione, e l'atteggiamento dei personaggi raffigurati sottolineano questo carattere teatrale. L'aspetto ludico e il sentimento umoristico non sono assenti: l'alternanza delle posizioni assunte da uno stesso figurante – di spalle, di fronte, nudo, vestito-, il distacco quasi totale dei personaggi creano un vero e proprio quadro vivente.
L'ispirazione pittorica sembra essere più diretta. Il ceppo, presente in molte fotografie dell'album, è identico a quello dipinto da Paul Delaroche in Lady Jane Grey al momento del supplizio, un'opera assai ampiamente diffusa tramite la tecnica dell'incisione e della fotografia. Dunque, appare probabile che l'autore abbia ritagliato questo elemento da un'immagine pubblicata.

Sulla genesi di quest'opera disponiamo di pochi elementi certi. L'autore è il modello maschile sia del boia che del martire? La donna in ginocchio è una modella di professione? Oppure, come la sua disincantata e scorata arrendevolezza lascia supporre, asseconda le richieste insolite di un membro della sua famiglia? Molti quesiti restano senza una risposta.
Ad ogni modo, il carattere raro dell'immagine, il suo soggetto, i suoi legami con la pittura ed il teatro, l'appropiazione d'opere d'arte e di pose classiche, sottolineano la creatività del suo autore e rivelano la varietà delle pratiche fotografiche, a metà Ottocento, a margine dei circuiti commerciali ed ufficiali.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter