Léon Gimpel
Mare di ghiaccio (ghiacciaio)

Il Mare di Ghiaccio
Léon Gimpel (1873-1948)
Il Mare di Ghiaccio
1911
Autocromo
Cm 18 x 24
© DR - Musée d'Orsay, dist. RMN-Grand Palais / Patrice Schmidt


Seracchi del ghiacciaio dei Bossons superiori, agosto 1911

La Mer de Glace [Mare di ghiaccio (ghiacciaio)]


Nel 1904, i fratelli Lumière mettono a punto il primo procedimento di riproduzione dei colori : l'autocromo. Essi avevano pensato di utilizzare come filtro, minutissimi granelli di fecola di patata colorati di uno dei tre colori primari-il blu, il giallo e il rosso -. Tuttavia, poiché i filtri rallentavano notevolmente il tempo di posa, nei primi anni questa tecnica è limitata ai soggetti inanimati.
Non appena questa scoperta viene divulgata su L'Illustration, Léon Gimpel, un foto reporter ricco di inventiva che lavora proprio per quel giornale, fa di tutto per incontrare gli inventori e avvia con gli stessi una fitta corrispondenza. Gimpel diventa così un grande appassionato dell'autocromo e si dà da fare per migliorare il procedimento.

Nel corso di un suo soggiorno sulle Alpi nel 1907, Gimpel nota che il ghiaccio, in virtù della sua luminosità, è un eccellente soggetto fotogenico per il colore. Con il bianco e il nero, infatti, "mancavano queste superbe colorazioni blu [...] e lo scintillio dei milioni di sfaccettature del ghiaccio".

Questa veduta, notevole per la sua precisione, qualità assai rara negli autocromi, fa parte di una serie realizzata nel 1911. Tramite questo autocromo, Gimpel dimostra altresì la sua grande conoscenza della composizione spaziale, del resto già presente nelle immagini da lui realizzate in bianco e nero.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter