Paul Cézanne
Bagnanti

Bagnanti
Paul Cézanne (1839-1906)
Bagnanti
1890 circa
Olio su tela
Cm 60 x 82
© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski

Baigneurs [Bagnanti]


A partire dagli anni settanta del XIX secolo e fino alla fine della sua vita, Cézanne realizza diverse composizioni aventi per soggetto bagnanti, uomini o donne che siano. La sua più grande ambizione è di giungere ad una fusione completa della figura umana e del paesaggio.

Ogni elemento viene trattato con la medesima importanza, in una sorta d'architettura comune. L'attenzione del pittore non ricade sulla carne, come in Rodin ma piuttosto sui corpi che strutturano potentemente lo spazio. Il tema dell'acqua è dimenticato e l'universo del quadro si concentra essenzialmente sulla terra. Soltanto la materia liscia delicatamente iridata delle nubi, richiama l'attaccamento di Cézanne all'impressionismo.

"[Cézanne] era orientato verso l'astrazione dei corpi naturali dato che vedeva in essi soltanto superfici e volumi pittorici", commenta Malevitch.
I riferimenti al Rinascimento, la figura dell'uomo in piedi, con in dosso un drappo che sembra essere stata ispirata da un disegno di Signorelli, proprio come l'ordinamento monumentale che si ispira a Poussin, testimoniano questo fortissimo desiderio di concepire "un'arte di museo" a prova di tempo.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter