Gustave Courbet
Champfleury

Ritratto di Champfleury
Gustave Courbet (1819-1877)
Ritratto di Champfleury
1855
Olio su carta incollata su tela
Cm 46 x 38
© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski

Portrait de Champfleury [Ritratto di Champfleury]


Jules-François-Félix Husson (1821-1889), scrittore e critico d'arte, meglio noto con lo pseudonimo di "Champfleury", è uno dei primi sostenitori di Courbet. Questo fine intellettuale è un frequentatore assiduo della brasserie Andler di Parigi, locale in cui gli esponenti del realismo si danno convegno. Nell'ambito di questo gruppo, Courbet è soprannominato "sommo sacerdote ufficiale" mentre Champfleury è il "cardinale in atto".

Questo ritratto, con ogni probabilità dipinto nel 1854, è servito da studio per L'atelier del pittore. Lo scrittore, ritratto tra gli amici dell'artista, figura in questa tela sul lato destro della composizione. Le due opere sono presentate in maniera congiunta all'esposizione universale del 1855, data che è annotata in fondo al quadro. In una lettera indirizzata ad un amico comune, Champfleury esprime il suo disappunto riguardo al modo in cui Courbet lo ha raffigurato nel quadro: "Sono rimasto sconcertato dalla mia immagine che mi ha fatto l'effetto del padre generale dei Gesuiti... Questo dannato ritratto è mostruoso". Alla luce di questi fatti, non desta sorpresa la notizia che il rapporto d'amicizia tra il pittore e lo scrittore ha conosciuto alcune vicissitudini.

Il quadro fa parte di una serie di una ventina di ritratti di personaggi celebri, dipinti da Courbet nel corso della sua carriera.

Scheda Courbet




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter