Camille Pissarro
Gelata bianca

Gelata bianca
Camille Pissarro (1830-1903)
Gelata bianca
1873
Olio su tela
Cm 65 x 93
© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski

Gelée blanche [Gelata bianca]


Dipinto nelle vicinanze di Pontoise dove il pittore vive dal 1873 al 1882, questo quadro è una delle cinque opere presentate da Camille Pissarro alla prima mostra del gruppo impressionista nel 1874. Riferendosi a quest'opera. il critico Louis Leroy scrive: "Che cosa è questa ? - Ecco una bianca gelata su solchi molto profondi. – questi dei solchi, questa una gelata? ... Ma se altro non sono che delle raschiature di tavolozza posate in modo uniforme su una tela sporca. Questa cosa non ha né capo, né coda, né alto, né basso, né davanti, né dietro.". Altri critici si mostrano più comprensivi, come Philippe Burty: "Un effetto di Gelata bianca, ad opera di Pissarro ricorda l'argomento dei migliori dipinti di Millet ".

La pittura a spatola , la densità della pennellata determinano un paesaggio compatto, chiuso, in cui l'aria sembra proprio che non circoli. Questa sensazione è accentuata dalle diagonali ascendenti dei solchi che scandiscono la composizione. Anche il personaggio che trasporta un fardello sembra schiacciato dal carattere opprimente di questo greve paesaggio invernale. La tecnica di Pissarro risponde e prende parte all'impressione trasmessa dal motivo scelto. Nonostante una pennellata più ampia, nonostante un'analisi della luce meno approfondita di quella condotta da Monet nello stesso periodo, La Gelata bianca, nel cogliere un momento particolare di una giornata invernale, rientra nell'ambito delle ricerche impressioniste.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter