Edouard Manet
Il balcone

Il balcone
Edouard Manet (1832-1883)
Il balcone
1868-1869
Olio su tela
Cm 170 x124,5
© Musée d'Orsay, dist. RMN-Grand Palais / Patrice Schmidt

Le balcon [Il balcone]


Nel periodo in cui Manet dipinge questo quadro, le scene della vita borghese sono un genere alla moda. Il balcone, tuttavia, non corrisponde in alcun modo alle aspettative del pubblico dell'epoca. I personaggi ritratti sono amici di Manet. Berthe Morisot, seduta in primo piano e che grazie a questa tela appare per la prima volta nell'opera del pittore, diventerà in seguito una delle modelle preferite dall'artista. I protagonisti del dipinto, tuttavia, sono raffigurati in un atteggiamento immobile, come persi in un sogno interiore. La scena non concede spazio né al racconto, né all'aneddoto. In questo modo, Manet si libera delle regole accademiche, anche se il riferimento a le Majas al balcone di Goya (1764-1828) appare evidente.

Di fatto, però, l'incomprensione ha il sopravvento durante la presentazione di questa tela al Salon del 1869, "Chiudete le imposte !" ironizza il caricaturista Cham, un altro recensore, invece, non risparmia critiche a Manet il quale " fa concorrenza agli imbianchini". La vivacità dei colori, il verde delle persiane e della ringhiera e la cravatta blu del personaggio maschile, così come il violento contrasto tra gli abiti bianchi delle donne e la penombra dello sfondo, hanno l'effetto di una provocazione. Perfino la gerarchia tra le figure e gli oggetti non è rispettata: i fiori sono rifiniti meglio dei visi.

Quindi, non desta per nulla stupore il fatto che, questo quadro, così libero dalle tradizioni, dalle convenzioni e dalla verosimiglianza, abbia suscitato presso il pubblico contemporaneo, così tanto scandalo.

Scheda Manet




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter