José Julio de Souza Pinto
La raccolta delle patate

La raccolta delle patate
José Julio de Souza Pinto (1856-1939)
La raccolta delle patate
1898
Olio su tela
Cm 66,5 x 81,7
© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski

La récolte des pommes de terre [La raccolta delle patate]


José Julio de Souza Pinto, originario dell'isola di Terceira, nelle Azzorre, si stabilisce da ragazzo nella città portoghese di Oporto dove conduce brillanti studi artistici. Nel 1880, ottiene una borsa di studio che gli consente di andare a studiare a Parigi dove frequenta la Scuola delle Belle- Arti e la bottega di Alexandre Cabanel. L'anno dopo, nel 1881, l'artista espone al Salone della Società degli artisti francesi il ritratto di uno dei suoi compatrioti. Tuttavia, sin dal 1883, Souza Pinto affronta la scena di genere dove risulta molto visibile, sia nei soggetti che nel modo in cui essi sono trattati, l'enorme influsso del naturalismo di Jules Bastien-Lepage.
Souza-Pinto , stabilitosi in modo definitivo in Francia, soggiorna innumerevoli volte in Bretagna, regione che fa da sfondo a numerose sue opere. Così avviene per questo quadro, che l'artista invia nel 1899 al salone della Società degli artisti francesi con il titolo di Le patate. L'opera è ampiamente ispirata ad una tela che Bastien-Lepage aveva esposto con successo al Salon del 1879.

Il primo piano è occupato da due fanciulli, un maschio ed una femmina, intenti a cucinare patate poste sopra un fuoco di esili ramoscelli mentre in lontananza, un gruppo di contadini sono occupati nella Raccolta delle patate, nuove tutolo attribuito all'opera quando essa, nel 1901, entra nella collezioni del museo del Luxembourg. Questa evocazione rientra nel campo della scena di genere sentimentale e prende le distanze dall'esaltazione dal duro lavoro dei contadini al quale si rifanno i pittori realisti sulle orme di Jean-François Millet.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter