Paul Cézanne
Il vaso blu

Il vaso blu
Paul Cézanne (1839-1906)
Il vaso blu
1889-1890
Olio su tela
Cm 61 x 50
© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski

Il vaso blu


In questa tela, più che alla rappresentazione di fiori sbocciati, Cézanne è interessato alle sfumature di colore. Ancora una volta, il soggetto è posto al servizio di ciò che interessa maggiormente l'artista: lo studio dell'influsso della luce sugli oggetti e sulle gradazioni di colore che ne derivano.

L'apparente semplicità e la sobrietà di questa pittura differiscono molto dall'esuberanza e dalla ricchezza che caratterizzano le composizioni floreali di Renoir. Lo spazio è costruito da un accorto gioco di linee verticali ed orizzontali e da un'appropriata ripartizione dei volumi, mentre l'armonia d'insieme è ottenuta grazie ad un sagace utilizzo di diverse tonalità di blu. La composizione è imperniata su un vaso posto sopra un tavolo.
Una decina d'anni prima, ad Auvers-sur-Oise, Cézanne aveva già dipinto svariati mazzi di fiori ma, in questo caso, l'artista aggiunge un elemento nuovo: alcune mele che risaltano per il loro colore e che evocano le nature morte con diverse varietà di frutta, molto più frequenti nella produzione artistica di Cézanne rispetto ai quadri raffiguranti fiori. Il pittore aveva già dichiarato a Gasquet : " Ho rinunciato ai fiori. Appassiscono subito. I frutti sono più fedeli". In questo caso, la tela è arricchita dalla presenza congiunta di due temi, un abbinamento che, in passato, è valso all'opera il titolo di Fiori e frutti.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter