Georges Seurat
Paesaggio con "Il Povero Pescatore" di Puvis de Chavannes

Paesaggio con "Il Povero Pescatore" di Puvis de Chavannes
Georges Seurat (1859-1891)
Paesaggio con "Il Povero Pescatore" di Puvis de Chavannes
1881 circa
Olio su pannello di legno
Cm 17,5 x 26,5
© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski

Paysage avec "Le Pauvre Pêcheur" de Puvis de Chavannes [Paesaggio con "Il Povero Pescatore" di Puvis de Chavannes]


Nel 1881, Puvis de Chavannes espone il suo Povero pescatore al Salon della Società degli artisti francesi. La maggior parte dei critici attaccano violentemente quest'opera. Tuttavia, l'atteggiamento dei giovani artisti è molto diverso e, molti di loro, tra i quali Maurice Denis, Eugène Carrière, Paul Gauguin, Odilon Redon e Paul Signac, citano la tela nei loro scritti. Oltre i commenti, Il povero pescatore ispira altresì due creazioni. Una, fedele al modello originale, è un quadro di Aristide Maillol (che si trova presso il museo delle Belle-Arti di Nancy, deposito del museo d'Orsay) e l'altra, più distante dalla sua fonte, è questa citazione ad opera di Georges Seurat.

Nel 1879, Seurat dipinge su un piccolo pannello di legno un paesaggio di Saint-Ouen. Egli utilizza in seguito l'altro lato per tratteggiare un paesaggio, ugualmente visibile a sinistra, dove si intravede una casa e un albero in fiore. Poco tempo dopo aver visto l'opera di Puvis al Salon, Seurat ricopre parzialmente la parte destra del pannello con la sua interpretazione del Povero Pescatore. Certamente eseguita a memoria, questa rivisitazione dell'opera di Puvis si presenta sotto un formato più quadrato rispetto all'originale e riproduce le grandi masse colorate così come le grandi linee della composizione. Per la sua gamma cromatica e la maniera allusiva della sua pennellata, questa "copia" preannuncia le tele che Seurat ha realizzato agli inizi degli anni ottanta del XIX secolo.
Molti commentatori, prendendo a pretesto la firma inesatta apposta da Seurat in basso a destra del pannello: Puvisse de Chavannes, hanno creduto di vedere in quest'opera un segno di derisione. Tuttavia, l'ammirazione dei giovani pittori per Puvis de Chavannes, il carattere intimo di questo "croqueton" (dipinto apparentemente di scuola o non finito), così come la posizione di un artista di venti due anni rispetto ad un membro della Giuria del Salon, lasciano piuttosto pensare ad un vero e proprio omaggio da parte di Seurat.

I due lati del pannello sono oggi separati. Il Paesaggio con mucchio di legna dipinto in origine sull'altro lato del pannello è conservato presso il Metropolitan Museum di New York.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter