Pierre Auguste Renoir
Ritratto di Richard Wagner

Ritratto di Richard Wagner
Pierre Auguste Renoir (1841-1919)
Ritratto di Richard Wagner
1882
Olio su tela
Cm 53 x 46
© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski

Richard Wagner [Ritratto di Richard Wagner]


Grande appassionato di musica, Renoir è in Francia uno dei primi ammiratori di Wagner. All'inizio del 1882, in occasione di un suo viaggio nel sud Italia, il pittore ha modo di recarsi a Palermo, città dove in quel momento soggiorna Wagner. Dopo due tentativi andati a vuoto, Renoir viene finalmente presentato al "maestro" che, il giorno prima, ha ultimato il suo Parsifal.
Siamo a conoscenza dei particolari di quest'incontro grazie ad una lettera che Renoir, il 15 gennaio 1882, scrive ad uno dei suoi amici. Wagner si rivela molto affabile. Complice qualche bicchierino di troppo, i due uomini parlano a pezzi e bocconi per più di tre quarti d'ora prima che il musicista chieda al pittore una breve seduta di posa da effettuarsi il giorno seguente. Ecco come Renoir ha descritto, nella lettera alla quale poc'anzi si faceva riferimento, questo secondo incontro con il grande compositore tedesco : "È stato molto allegro ma molto teso [...]. Per farla breve, io ho, credo, impiegato bene il mio tempo, 35 minuti che in fondo non sono un gran che, ma se io mi fossi fermato prima, sarebbe stato meglio. Il mio modello, infatti, stava perdendo un po'della sua spontaneità e diventava impacciato. Da parte mia, ho raffigurato scrupolosamente queste cambiamenti. [...] Alla fine Wagner ha chiesto di vedere il ritratto e, esclamando, ha detto di assomigliare ad un prete protestante, il che è vero. In fin dei conti, ero molto felice di non aver del tutto fallito: conservo un piccolo ricordo di questo straordinario genio".  

Venti anni dopo, il critico d'arte Julius Meier-Graefe ritorna su questo "piccolo ricordo" : "È un documento notevole. Esso ci svela alcuni lati di Wagner con una psicologia sorprendente, quasi spietata. Non siamo in grado di stabilire fino a che punto il pittore ne fosse consapevole : in ogni caso, il quadro ci fa chiaramente capire quanto l'artista si sentisse libero di fronte all'oggetto della sua ammirazione".  




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter