Henri Gervex
Rolla

Rolla
Henri Gervex (1852-1929)
Rolla
1878
Olio su tela
Cm 175 x 220
© RMN-Grand Palais / A. Danvers

Rolla


Nella primavera del 1878, un mese prima dell'inaugurazione del Salon, i funzionari delle Belle-Arti escludono ingiustamente Rolla dalla manifestazione. All’epoca Henri Gervex è un pittore oramai affermato. Ad appena 26 anni, l'artista ha già vinto una medaglia in una precedente edizione del Salon. Questo lo rende in teoria "fuori concorso" e quindi non soggetto alle decisioni della giuria incaricata di scegliere le opere esposte. In questo caso, però, le autorità si comportano diversamente, a causa della natura giudicata "immorale" della scena.

Gervex tra ispirazione da un lungo poema di Afred de Musset (1810-1857), pubblicato nel 1833. Il testo ripercorre il destino di un giovane borghese, Jacques Rolla, che si abbandona ad un'esistenza oziosa e dissoluta che lo porta ad incontrare Marie, adolescente che si prostituisce per sfuggire alla miseria. La scena mostra Rolla, oramai caduto in rovina, appoggiato alla finestra, con lo sguardo rivolto alla ragazza addormentata. Il giovane metterà presto fine ai suoi giorni ingerendo una dose di veleno.
La scena è giudicata indecente non tanto per la nudità di Marie, del resto simile agli altri nudi canonici dell'epoca. L'attenzione dei contemporanei è in realtà rivolta alla natura morta costituita da una sottana, da una giarrettiera, da un corpetto slacciato in fretta sopra il quale è appoggiato un cappello a cilindro. Sarebbe stato proprio Degas a consigliare Gervex di mettere "un corpetto a terra" affinché fosse chiaro che questa donna "non è una modella". La disposizione della scena e il tipo di indumenti indicano il consenso di Marie al rapporto e la sua condizione di prostituta. Inoltre, il bastone che spunta dalla biancheria intima è una metafora dell'atto sessuale.

Dopo essere stato escluso del Salon, Rolla resta esposto per tre mesi presso la galleria di un mercante di quadri parigino Lo scandalo, amplificato in larga misura dalla stampa, attira folle di visitatori. Molti anni dopo, in una serie di interviste pubblicate nel 1924, Gervex racconta la sua immensa gioia nel vedere la "fila interminabile di visite", omettendo però di dire se avesse previsto la reazione delle autorità e provocato volontariamente la polemica.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter