Vincent van Gogh
Casolari con tetto di paglia a Cordeville

Casolari con tetto di paglia a Cordeville, Auvers-sur-Oise
Vincent van Gogh (1853-1890)
Casolari con tetto di paglia a Cordeville, Auvers-sur-Oise
1890
Olio su tela
Cm 73 x 92
© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski

Chaumes de Cordeville à Auvers-sur-Oise [Casolari con tetto di paglia a Cordeville, Auvers-sur-Oise]


Questo quadro è stato dipinto durante il periodo creativo più intenso e frenetico della carriera dell'artista, alcune settimane prima della sua tragica fine. Van Gogh ha lasciato la Provenza nel maggio del 1890, dopo essersi sottoposto volontariamente a trattamenti medici presso l'ospedale psichiatrico di Saint-Rémy. L'artista si è stabilito a Auvers-sur-Oise, a Nord di Parigi. Il 10 giugno, il pittore scrive al fratello Théo che sta lavorando a "due studi di case nella vegetazione". Corot, Daubigny, Pissarro o Cézanne hanno già evocato il quieto fascino di Auvers. Van Gogh, invece, lo trasformerà in una terra vulcanica in cui le case appaiono storte per effetto di un sisma.

Il pittore sottopone questo paesaggio ad una vera e propria trasmutazione scatenata da forze psichiche. Les tranquille case dai tetti di paglia che si possono ancora osservare in vecchie fotografie, sembrano come sollevate da una certa potente forza tellurica che dilata i volumi. Il disegno scapigliato, vorticoso, fa ondulare il tetto, avvolge a spirale i rami degli alberi, trasforma le nubi in arabeschi... Inoltre, la materia pittorica è lavorata ad impasto grasso, scavata nel suo spessore da veri e propri solchi.

Di certo, non è l'artista che, come i romantici, prova inquietudine al cospetto di questo paesaggio maestoso. Al contrario, è proprio lui che sconvolge e dà vita e vigore ad ogni singola catapecchia e ad ogni singolo cipresso. Come nel Cielo stellato del 1889 (New York, MoMA), tutti gli elementi del paesaggio si fondono nel deformarsi dei loro contorni conferendo così, all'intera veduta un aspetto fantastico.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter