Vincent van Gogh
L'arlesiana

L'Arlesiana
Vincent van Gogh (1853-1890)
L'Arlesiana
1888
Olio su tela
Cm 92,3 x 73,5
© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / DR

L'arlésienne [L'arlesiana]


Madame Ginoux, l'arlesiana protagonista di questa tela, gestiva il Café de la Gare di Arles e fu spesso in contatto con gli artisti, in particolar modo con Gauguin e Van Gogh. Il primo l'ha anche raffigurata mentre il secondo, che alloggiò presso di lei al suo arrivo ad Arles, le starà vicino durante tutto il suo soggiorno. Madame Ginoux che soffriva anche lei di "crisi nervose", si prende cura di Van Gogh quando l'artista, nel dicembre 1888, subì un ricovero ospedaliero.

Nel suo scambio epistolare con il fratello Theo, l'artista evocando più volte la bellezza delle donne che indossano il costume regionale, così scrive: " finalmente ho un'Arlesiana, una figura dipinta velocemente in un'ora, su uno sfondo giallo pallido, il viso grigio, l'abbigliamento dalle tinte scure, un nero intenso e un blu di prussia vero e proprio. È appoggiata ad un tavolo verde ed è seduta su una sedia di legno color arancio". La ricerca di personaggi popolari e l'ossessione del ritratto si coniugano in questa tela. Sebbene di dimensioni rilevanti, questo quadro ha richiesto soltanto un'ora di lavoro, la rapidità della pennellata contrasta con l'indugio meditativo.
Senza celare i difetti fisici che l'artista tende addirittura ad evidenziare per mettere maggiormente in risalto la profonda umanità del modello e tutto ciò che esso ha di unico, il pittore isola questa figura di vivace icona provenzale su uno sfondo di un giallo quasi violento.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter