Claude Monet
Trofeo di caccia

Trofeo di caccia
Claude Monet (1870-1926)
Trofeo di caccia
1862
Olio su tela
Cm 104 x 75
© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski

Trophée de chasse [Trofeo di caccia]


Agli esordi della sua carriera, Monet sembra aver avuto una preferenza particolare per le nature morte. In seguito, anche se l'artista continua ad interessarsi a questo soggetto, il genere della natura morta non costituisce più uno dei temi principali della sua pittura. È pur vero che la natura morta rappresenta per i pittori esordienti del XIX secolo un campo di indagine più economico rispetto alla figura dal momento che, per la raffigurazione della prima, non occorre pagare un modello.
Monet, in ogni caso, riconosce nelle nature morte i suoi studi migliori poiché è proprio una di queste che l'artista presenta nel maggio del 1859 al consiglio municipale di Le Havre per giustificare la richiesta di una borsa di studio. Sempre nello stesso anno, sono proprio due nature morte che Monet mostra al pittore Troyon per dimostrargli il suo talento.

Quest'opera, infatti, è la migliore testimonianza di un'abilità fuori dal comune tenuto conto che, all'epoca, Monet è poco più di un giovanotto. Certamente gli influssi e i modelli si distinguono in modo abbastanza facile: il ricordo di Chardin, l'opulenza di Troyon dominano la composizione. Al Salon del 1859, Monet aveva giustamente ammirato "un quadro davvero bello" di Troyon, "un cane che ha in gola una pernice... è splendido; si sente il pelo" scrive a Boudin (lettera del 3 giugno 1859). Tuttavia, l'abile disposizione delle figure, l'audacia dei giochi di materia mostra che Monet è già capace di affermare la sua indipendenza nei confronti dei suoi modelli.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter