Jules Cavelier
Cornelia, madre dei Gracchi

Cornelia, madre dei Gracchi
Jules Cavelier (1814-1894)
Cornelia, madre dei Gracchi
1861
Marmo
Cm 171 x 121 x 127
© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Jean Schormans


Cornelia, madre dei Gracchi

Cornélie, mère des Gracques [Cornelia, madre dei Gracchi]


Questo gruppo scultoreo a tuttotondo, dalla severa simmetria mette in scena tre celebri eroi dell'Antichità: Tiberio e Caio Gracco e Cornelia, madre dei due fratelli. La costruzione piramidale e la postura assunta dalle figure rivelano la psicologia dei personaggi: Caio, il minore dei due figli è più vivace del primogenito Tiberio, più riflessivo e posato e che ha in mano una pergamena. La figura di Cornelia, che si prende amorevolmente cura dei sui suoi pargoli, risalta maestosa mentre costei, con calma e fermezza, sembra proprio che pronunci quelle parole ormai note a tutti i visitatori dei Salon del XIX secolo: alle eleganti patrizie, orgogliose dei loro preziosi ornamenti, Cornelia, indicando i suoi figli, era solita replicare" Sono questi i miei gioielli".
Le scoperte archeologiche di statue antiche, spesso private dei loro colori iniziali, influenzarono le opere neoclassiche. Il viso di Cornelia dai tratti inespressivi suggerisce un'impressione di impassibilità e di distanza.Il soggetto, legato all'ideale civico e alla cultura classica del tempo, la preoccupazione di una ricostruzione quasi archeologica, in particolare per quanto riguarda i drappeggi, la composizione armoniosa sono tutta una serie di elementi che caratterizzano quest'opera neoclassica conforme al gusto dell'epoca.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter