Pierre Auguste Renoir
La Signora Renoir

La Signora Renoir
Pierre Auguste Renoir (1841-1919)
La Signora Renoir
1916
Busto in malta policroma
Cm 82,4 x 53 x 34,5
© ADAGP, Paris - RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Konstantinos Ignatiadis

Madame Renoir [La Signora Renoir]


Renoir inizia a praticare la scultura molto tardi. Pare che l'artista abbia fatto qualche tentativo in questa direzione verso il 1875 quando scolpì alcuni ritratti di famiglia come quello del figlio Claude. Nel 1913, sotto la spinta di Ambroise Vollard, Renoir inizia a realizzare vere e proprie composizioni. Poiché ha le mani quasi completamente paralizzate a causa dei reumatismi, Vollard gli procura un giovane scultore che dovrà assisterlo: Richard Guino (1890-1973) il quale avrà il compito di realizzare modelli partendo proprio dai disegni o dai quadri stessi del pittore.

Il busto della moglie è realizzato dopo la morte quest'ultima nel 1915, per la sua tomba vicino a Cagnes-sur-Mer. Renoir in un primo tempo vuole collocarvi una statua di Aline seduta mentre allatta il loro primogenito. Per il busto che alla fine verrà fuso in bronzo, Richard Guino si ispira ad un ritratto dipinto ad olio da Renoir venti anni prima e dove ritroviamo la stessa volumetria pacata, una "sana robustezza". Questo esemplare è stato realizzato con una malta di calce idraulica e di sabbia e reso policromo secondo il procedimento dell'affresco, ovvero mentre la malta era ancora umida.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter