Retrospettiva Erich von Stroheim

ARCHIVIO
1970

Foolish Wives© BIFI / DR
"L'opera di Stroheim coniuga in maniera singolare il naturalismo sordido ad una sorta di disperato romanticismo. Essa apporta, in un'arte caratterizzata da violenza e rabbia, il senso del romanzesco e della durata psicologica." (Jean Mitry)

Attore di straordinario fascino e regista fuori dal comune, Erich von Stroheim ha inventato di sana pianta la storia della sua vita, spacciandosi per un esponente dell'aristocrazia e continuando a recitare nella vita reale proprio come sugli schermi cinematografici. In questo modo incarnerà l'archetipo del rigido ufficiale prussiano, altero, sardonico e libertino al tempo stesso.
Come attore, recitò in più di una sessantina di film.
Tra il 1919 e il 1928, prese parte a dodici pellicole inquietanti, nelle quali venivano affrontati apertamente e senza troppi pudori temi immorali e soggetti tabù. Stanchi di atteggiamenti decisamente sovversivi e di spese lussuose, gli studios americani lo misero al bando.
La sua carriera francese iniziò nel 1936 all'insegna di una minore brutalità e con la rappresentazione di personaggi rassegnati e che si portano addosso il peso di un passato duro e difficile...

L'auditorium renderà omaggio a tutti gli aspetti del suo immenso talento che, da Folies de femmes (1921) a Boulevard du Crépuscule (1950) accompagna la nostra memoria cinefila.

Programma dettagliato nella versione francese del sito

In collaborazione con il Festival International du Film de La Rochelle, XXXVI edizione

Festival Internationa du Film de La Rochelle

13 - 29 marzo 2009
Museo d'Orsay

auditorium livello -2

Festival International de la Rochelle
XXXVI edizione
27 giugno - 7 luglio 2008
Omaggio ai cineasti Von Stroheim e Von Sternberg (periodo del cinema muto)


Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter