Musée d'Orsay: Le anime selvagge. Il simbolismo nei paesi baltici

Le anime selvagge. Il simbolismo nei paesi baltici

Johann WalterGiovane contadina© Photo Normunds Braslinš
I paesi baltici ‒ Estonia, Lettonia e Lituania ‒ sono diventati degli Stati indipendenti poco dopo la fine della Prima guerra mondiale. Per celebrare il centenario della loro nascita, questa mostra invita a scoprire il simbolismo baltico, dagli anni 1890 agli anni 1920-’30.

Il simbolismo europeo e l’emancipazione della coscienza che esso veicola sono indissociabili nei paesi baltici dalla loro indipendenza. Il percorso espositivo illustra i giochi di influenze e di resistenze attraverso cui gli artisti hanno forgiato un linguaggio adatto al loro universo.
Facendo ricorso agli elementi della cultura popolare, del folklore e delle leggende locali, oltre che alla singolarità dei loro paesaggi, essi fanno emergere un’arte decisamente originale.

Fatta eccezione per il lituano Mikalojus Konstantinas Čiurlionis, pittore e compositore noto a livello mondiale, la maggior parte degli artisti sono messi in luce per la prima volta al di fuori del loro paese.



Commissario generale

Rodolphe Rapetti, conservatore generale del Patrimonio

Tutti mecenati. Aziende e privati, sostenete questa mostra con un clic.


Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare

Facebook
TwitterInstagramGoogle+YouTubeDailymotion