Allegro Barbaro. Béla Bartók e la modenità ungherese 1905-1920

János Mattis-TeutschPaesaggio© DR - Museum of Fine Arts – Hungarian National Gallery, Budapest 2013
Sulla scia delle manifestazioni che il museo d’Orsay ha dedicato ai grandi nomi della musica moderna - Mahler, Debussy -, questa mostra è l’occasione per far scoprire al pubblico francese e di altre nazioni l’universo di Bartók (1881-1945), in un’epoca particolarmente ricca della storia culturale e artistica ungherese.

Ai primi del Novecento, la musica e la pittura ungherese condividono un’analoga concezione di rottura e di rinnovamento. Nel giro di pochi anni, queste due discipline che nell’ambito dell’avanguardia europea anticipano nuove domande, creano un linguaggio autonomo e originale, una modernità tinta di tradizione nazionale.

Attraverso un centinaio di quadri provenienti dalle collezioni pubbliche ungheresi e da quelle private, accompagnati da un cospicuo numero di documenti riguardanti il giovane Bartók e i musicisti, i compositori, gli scrittori, i poeti e gli psicanalisti della suo entourage (spartiti, fotografie, film, registrazioni sonore...), la mostra si propone di far rivivere questo vivace dialogo tra la musica e le arti ungheresi dei primi del Novecento.

Questa mostra beneficia dell’Alto Patronato di François Hollande Presidente della Repubblica francese e di János Áder, Presidente della Repubblica d’Ungheria.

 

Comitato scientifico

Claire Bernardi, conservatore al museo d'Orsay
Gergely Barki, storico dell'arte, Centro di ricerche in scienze umane - Accademia delle Scienze dell'Ungheria - ISTITUTO DI STORIA DI L'ARTE, Budapest
Zoltan Rockenbauer, storico dell’arte

Mostra organizzata con la partecipazione straordinaria del Szépművészeti Múzeum di Budapest.

Avec le soutien de Tollens pour l'apport en peinture.





Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter