La Contessa di Castiglione per se stessa

fotografia
Pierre-Louis PiersonLo Sguardo© Gilman Paper Company Collection, New York
Robert de Montesquiou rimase affascinato da questo personaggio che gli rassomigliava quanto a narcisismo. Aristocratica italiana residente a Parigi, donna splendidamente elegante del secondo Impero, amante di Napoleone III, la "divina contessa" condusse in seguito una vita da eremita, uscendo soltanto di notte, coperta da un velo nero. Con l'aiuto di Pierre Louis Pierson, la contessa fu in realtà il fotografo di se stessa fino al sopraggiungere del suo declino: oltre quattrocento riprese celebrano la sua immagine, i suoi abiti, il suo corpo, le sue movenze secondo un rituale da lei completamente stabilito e con una inventiva formale di una modernità sorprendente.

Coordinatori

Pierre Apraxine, conservatore della Gilman Paper Company Collection di New York, Xavier Demange, storico della società del XIX secolo e Françoise Heilbrun, conservatrice capo del museo d'Orsay

Questa mostra è stata organizzata dal museo d'Orsay in collaborazione con la fondazione Howard Gilman di New-York.

La Mostra è stata altresì presentata al Metropolitan Museum of Art di New York

12 ottobre 1999 - 23 gennaio 2000
Museo d'Orsay

Sale 67 e 68


Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter