New York e l'arte moderna. Alfred Stieglitz ed il suo cerchio (1905-1930)

Alfred Stieglitz 
 (1864-1946) 
 The City of Ambition
 1913, ripresa del 1910
 Stampa fotomeccanica (fotoincisione) su carta giapponese
 Cm 33,7 x 28,1
 Parigi, museo d'Orsay, donazione della Georgia O'Keeffe Foudation, 2003
Alfred StieglitzThe City of Ambition© Adagp - RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski
La città di New York ha conosciuto all'inizio del XX secolo un incredibile sviluppo, favorevole al fermento intellettuale e artistico. Alfred Stieglitz (1864-1946), figura carismatica, eserciterà un ruolo di primo piano nella elaborazione dell'arte moderna americana. La sua galleria, situata al numero 291, sulla 5ªAvenue, in un primo tempo destinato alla fotografia, diventa in seguito il focolaio dell'avanguardia europea a partire dal 1908. Egli vi espone disegni di Rodin, Cézanne, Picasso e Matisse, prima dell'Armory Show del 1913, la prima grande fiera dell'arte contemporanea negli Stati Uniti. Quest'ultima attira subito artisti venuti da oltre Atlantico, come Picabia o Duchamp: la vita artistica a New York assume allora un ritmo frenetico, le gallerie si moltiplicano. Stieglitz ed il suo gruppo non sono più gli unici ad occupare una posizione di primo piano ma continuano a creare l'evento, difendendo non solo Picasso, Braque, Picabia e Brancusi, ma anche l'arte negra ed il Dada, di cui la rivista 291 ispirata da Apollinaire, dà segni premonitori.

Dopo la Prima Guerra Mondiale, Stieglitz si dedicherà più intensamente alla sua grande passione: la fotografia, pur continuando a difendere un gruppo di pittori, tra i quali Arthur Dove, Georgia O'Keeffe e Charles Demuth. La loro parola d'ordine è la creazione di un'arte moderna tipicamente americana.

Questa è la prima volta che a Parigi l'azione di Stieglitz e del suo gruppo è oggetto di una mostra monografica; ed è anche la prima volta che l'opera di questo grande fotografo è mostrata nel suo insieme.

Commissaires


Serge Lemoine, presidente dell'istituto pubblico del museo d'Orsay, Juan Manuel Bonet, direttore del Centro d'Arte Contemporanea Reina Sofia di Madrid, Françoise Heilbrun, conservatrice capo del museo d'Orsay e Danielle Tilkin, storica dell'arte

La mostra è stata organizzata nell'ambito del Mese dedicato alla Fotografia, tenutosi a Parigi nel novembre 2004.

La Mostra è stata altresì presentata al Centro d'Arte Contemporanea Reina Sofia di Madrid, dal 10 febbraio al 17 marzo 2005

19 ottobre 2004 - 16 gennaio 2005
Museo d'Orsay

Sale riservate alle mostre temporanee


Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter