Musée d'Orsay: Visita l'Italia e muori, fotografia e pittura nell'Italia del XIX secolo

Visita l'Italia e muori, fotografia e pittura nell'Italia del XIX secolo



Friedrich NerlyVenezia, piazza San Marco al chiaro di luna© Niedersächsisches Landesmuseum, Hanover
Il periodo posteriore all'Illuminismo non segna la fine del "Grand Tour" ma l'emergere di altri modelli estetici come quelli italiani. Il fascino che l'Italia esercita sia sugli artisti che sui semplici turisti conosce anche dopo il 1850 uno sviluppo incredibile tanto da favorire il progresso delle comunicazioni e quello della fotografia.

La nostalgia che lega per sempre al paese che diede i natali a Virgilio e l'attrattiva delle sue bellezze ancora incontaminate danno origine ad una cospicua produzione di immagini. La mostra si prefigge di presentare le medesime accanto ad alcune tematiche e fantasie ricorrenti che si propagano da un fronte ad un altro: le vestigia archeologiche e antiche, i principali siti della cultura europea e il perfetto adattarsi del mondo antico nella popolazione contemporanea.
L'Italia, paese di sogno al quale si resta per sempre legati.

Coordinatori

Ideazione Guy Cogeval, presidente del museo d'Orsay e Dr. Ulrich Pohlmann, conservatore capo presso lo Staatsmuseum di Monaco.
Coordinatori: Dr. Ulrich Pohlmann, conservatore capo presso lo Staatsmuseum di Monaco, Françoise Heilbrun conservatrice capo del museo d'Orsay, Joëlle Bolloch responsabile degli studi documentari del museo d'Orsay.

7 aprile - 19 luglio 2009
Museo d'Orsay

Spazio espositivo

Accesso con il biglietto mostra



Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
TwitterInstagramGoogle+YouTubeDailymotion