Oltre l'Impressionismo: nascita dell'arte moderna

Henri Rousseau
 (1844-1910)
 La charmeuse de serpents
 [L'incantatrice di serpenti]
 1907
 Olio su tela
 Cm 169 x 189,5 
 Parigi, museo d'Orsay, legato di Jacques Doucet, 1936
Henri Rousseau, detto il DoganiereL'incantatrice di serpenti© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski
L'ultima mostra impressionista, avvenuta nel 1886, incarna i dissensi che agitano i componenti del gruppo, e rappresenta il culmine di una lenta disgregazione dell'ideale comune in nome del quale si erano riuniti negli anni 70 dell'Ottocento: dipingere "en plein air", dal vero e in colori chiari, i temi della vita moderna.

Una nuova generazione di artisti rifiuta l'espressione "naturale" del paesaggio: il 1886 è l'anno in cui Gauguin si reca per la prima volta a Pont-Aven in cerca di qualcosa di "selvaggio", di "primitivo", Van Gogh arriva a Parigi, e Cézanne risiede da ormai 7 anni a Aix-en-Provence, regione "di una plasticità così marcata" da corrispondere al suo temperamento e alle sue ricerche.

Uniti dal desiderio di creare un'arte più adatta all'epoca in cui vivono, Bonnard, Vuillard e i suoi amici si fanno chiamare, non senza una nota d'ironia, "Nabis" (profeti), e si sforzano di ritrovare "il sapore della sensazione primitiva", rimettendo in causa il concetto tradizionale di prospettiva ereditato dal Rinascimento italiano. Affascinati dal sogno e dall'inconscio, Redon e i simbolisti inventano un altro mondo, celebrato da Apollinaire e da tutta l'avanguardia letteraria, mentre la vita del modesto Rousseau detto il Doganiere è trasfigurata dalla forza della sua immaginazione. Georges Seurat, Paul Signac o Henri-Edmond Cross svolgono approfondite ricerche sul colore e sulla luce.
Comune a tutti è il rifiuto della "mera imitazione" dei naturalisti così come degli impressionisti.

Queste esperienze estremamente soggettive sono di solito raggruppate sotto il nome di post-impressionismo. Tuttavia la situazione è molto più complessa di quanto si possa immaginare, poiché gli artisti di questo periodo non sempre si allontanano dall'esempio dei loro predecessori e alternano, a seconda della loro evoluzione, rifiuto o ammirazione.
Attraverso più di 70 quadri, disegni e sculture del museo d'Orsay, la mostra Oltre l'Impressionismo: la nascita dell'arte moderna fa luce sulle trasformazioni estetiche e culturali che caratterizzarono l'ambiente artistico parigino alla fine dell'Ottocento.

Commissario

Caroline Mathieu, conservatrice capo del museo d'Orsay

3 maggio - 31 agosto 2014

Séoul, National Museum of Korea


Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter