Il dagherrotipo francese nelle collezioni del museo d'Orsay

ARCHIVIO
2008
Nascita della fotografia

Anonimo
 Une partie d'échecs [Una partita di scacchi]
 1850 circa
 Dagherrotipo
 Cm 10,5 x 16 
 Parigi, museo d'Orsay
AnonimoUna partita di scacchi© Musée d'Orsay, dist. RMN-Grand Palais / Patrice Schmidt
In contrappunto alla mostra dedicata ai calotipi britannici, primo procedimento su carta messo a punto da William Fox Talbot, in questa sede è affrontata l'estetica singolare del dagherrotipo. Al contrario del calotipo, che sancisce l'inizio della tecnica del negativo, il dagherrotipo produce una fotografia unica, non riproducibile, su una lastra di metallo. Il che dà luogo ad immagini al contempo positive e negative che si distinguono sia per il loro aspetto luccicante, dovuto al materiale di supporto, sia per la loro estrema precisione.

Attraverso i vari soggetti trattati, sono altresì evocati lo sviluppo e la diffusione, rapida ma effimera, dell'invenzione di Daguerre in Francia. L'allestimento mostra, infine, la ricca collezione di dagherrotipi, ampliatasi in maniera considerevole dall'inizio del nuovo millennio, custodita presso il museo d'Orsay.

Commissario

Dominique de Font-Réaulx, conservatrice presso il museo d'Orsay coaudiuvata da Joëlle Bolloch, responsabile degli studi documentari presso il museo d'Orsay.

pubblicazione

Il dagherrotipo
de Font-Réaulx Dominique
5 continents / Museo d'Orsay
12 €

27 maggio - 7 settembre 2008
Museo d'Orsay
Salle 68
Salle 69

Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter