Offenbach : Metamorfosi di una gatta in donna

© Musée d'Orsay / Sophie Boegly
Da Hoffmann e il suo Gatto Murr in poi, le qualità liriche degli amori felini non hanno più segreti per i pittori e i musicisti. I gatti, dal canto loro, sono in grado di prestare alla musica degli uomini un interesse simile a quello che noi nutriamo per la musica felina!

Tanto Offenbach che il suo amico Doré hanno messo in scena, ognuno a modo proprio, un bestiario di cui La Metamorfosi di una gatta in donna, a metà strada tra La Fontaine e l’estrosità dei racconti per grandi e piccoli, nel genere dell’operetta, offre un esempio di autentica allegria e di sublime musicalità.

Quattro cantanti tra cui la felina Magali Léger, sedici musicisti del complesso Pelléas diretti da Benjamin Lévy, per una leggiadra fantasia nella grande tradizione di umanizzazione degli animali che fa di Gustave Doré il precursore delle "bestie" di Walt Disney.

 

4 - 9 febbraio 2014
Museo d'Orsay
Auditorium niveau -2

Completo

 

Magali Léger, Minette
Pauline Sabatier, Marianne
François Rougier, Guido
Guillaume Andrieux, Dig Dig
Francesca Bonato, La chatte (rôle dansé)
Orchestre de chambre Pelléas
Benjamin Lévy, direction
Alexandra Lacroix, mise en scène
Jacques Offenbach
La Chatte métamorphosée en femme
sur un livret de Scribe et Mélesville d'après la fable de Jean de La Fontaine, opérette en un acte, 1858


 
mar 4 febbraio 2014 - 20h00
gio 6 febbraio 2014 - 20h00
sab 8 febbraio 2014 - 20h00
dom 9 febbraio 2014 - 15h00
Museo d'Orsay
Auditorium niveau -2

Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter