Statuto

Il museo d'Orsay è un museo nazionale del Ministero dei Beni Culturali.

Dal 1º gennaio 2004, il museo d'Orsay è un Istituto Pubblico Amministrativo. Tale istituto comprende il museo d'Orsay, il museo dell'Orangerie ed il museo Hébert.

Prima del 2004, il museo d'Orsay era un servizio a competenza nazionale. Con il decreto del 26 dicembre 2003 il museo d'Orsay è diventato un istituto pubblico a carattere amministrativo posto sotto la tutela del ministro dei Beni Culturali.

Esso dispone di un consiglio d'amministrazione, presieduto dal Presidente dell'Istituto Pubblico. Il consiglio stabilisce la politica scientifica e culturale dell'istituto, la programmazione delle mostre e delle altre attività culturali. Il consiglio vota il bilancio preventivo, prende decisioni riguardanti la politica tariffaria e, in particolare, fissa le condizioni generali di impiego degli agenti contrattuali.

Il consiglio scientifico prende decisioni riguardo alla politica culturale dell'istituto prima che essa venga sottoposta al Consiglio d'Amministrazione e stabilisce altresì i progetti di acquisizione, i prestiti o i depositi.

La commissione delle acquisizioni dell'Istituto pubblico del museo d'Orsay esamina gli orientamenti generali della politica di acquisizione e delibera in maniera autonoma circa l'ingresso di certe opere nell'ambito delle collezioni, a patto che la loro quantità sia inferiore al limite stabilito dal ministero. In caso contrario, qualora la soglia fissata venga superata, il Consiglio artistico dei musei nazionali viene consultato. L'Istituto pubblico destina almeno il 16% dei diritti d'ingresso alle collezioni permanenti e all'acquisizione delle opere.

Il museo d'Orsay è composto, al momento, da un organico di circa 700 persone.

Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare
Facebook
Google+DailymotionYouTubeTwitter