Musée d'Orsay: Processo di acquisizione

Processo di acquisizione

Ogni domanda di acquisizione, che sia a titolo gratuito (donazione) o a titolo oneroso, è oggetto del medesimo processo istruttorio e decisionale.

1a tappa: riunione di conservazione-acquisizioni in presenza di una formazione ridotta del Consiglio scientifico

Presentazione, da parte dei conservatori, delle proposte di acquisizione alla riunione di conservazione-acquisizioni, in presenza di una formazione ridotta del Consiglio scientifico, composta dai conservatori e dal presidente dell’ente museale. Ciascuna proposta di acquisizione presentata durante questa riunione è sottoposta a un voto espresso tramite scrutinio segreto.

2a tappa: commissione delle acquisizioni

Presentazione, da parte dei conservatori, delle proposte di acquisizione davanti alla commissione delle acquisizioni composta da 12 membri (alcuni di diritto, altri nominati tramite decreto del Ministero della Cultura) e dai conservatori (eletti da pari o nominati tramite decreto del Ministero della Cultura).

Al termine di un votazione a scrutinio segreto, e con la maggioranza dei due terzi dei voti dei membri presenti o rappresentati, l’acquisizione delle opere è approvata a patto che il loro valore non superi le seguenti soglie stabilite dal decreto ministeriale del 5 maggio 2017, oltre le quali si ricorre alla consultazione del Consiglio artistico dei musei nazionali:

  • Quadri e dipinti: 200.000 €
  • Sculture: 200.000 €
  • Disegni, acquerelli, gouache e pastelli: 100.000 €
  • Oggetti d’arte: 100.000 €
  • Fotografie, film e negativi: 50.000 €


Le opere entreranno a far parte delle collezioni nazionali una volta redatta la “decisione”, documento amministrativo che ratifica il voto e conferma la decisione del presidente. Tale documento permette ai servizi finanziari di procedere al pagamento (qualora si tratti di un’acquisizione a titolo oneroso) e all’ufficio inventario di assegnare all’opera un numero corrispondente.

Tappa supplementare in caso di superamento delle soglie: Consiglio artistico dei musei nazionali

Ogni acquisizione il cui valore superi le soglie sopra indicate è sottoposta a un ultimo passaggio davanti all’istanza superiore del Consiglio artistico dei musei nazionali.

Posto sotto l’autorità di un presidente che lo convoca almeno sei volte l’anno, questo Consiglio è composto da 21 membri votanti con scrutinio segreto, di diritto o nominati tramite decreto del Ministero della Cultura.

Al termine di una votazione approvata dalla maggioranza, le opere sono definitivamente acquisite una volta pubblicata la “decisione” e il risultato del voto. Effettuata questa procedura, le opere acquisite ricevono un numero di inventario che viene apposto su ognuna di esse.

Testi normativi

Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare

Facebook
TwitterInstagramYouTube