Musée d'Orsay: Emile Gallé Vaso con decoro marino

Emile Gallé
Vaso con decoro marino

Vaso rouleau con decoro marino
Emile Gallé (1846-1904)
Vaso rouleau con decoro marino
1902-1903
Vetro soffiato a più strati, inserti metallici, decoro inciso alla ruota, applicazioni
Cm 28,2 x 9
© Musée d'Orsay, dist. RMN-Grand Palais / Patrice Schmidt


Vaso rouleau con decoro marino

Vaso rouleau con decoro marino


A cavallo fra XIX e XX secolo, la fauna e la flora di mari, oceani e corsi d’acqua in generale diventano uno dei fulcri della rinascita delle arti decorative: critici e commentatori concordano nel vedervi un vivaio di forme nuove, originali e naturali.
Emile Gallé non si sottrae a questa tendenza poiché sul finire della vita sviluppa particolarmente i soggetti marini nei decori delle sue creazioni.

Questo tema non è tuttavia nuovo in lui poiché lo utilizza sin dagli anni Settanta dell’Ottocento, ma in questo periodo diviene preponderante e culmina nel 1904 con la Main aux algues et aux coquillages [Mano con alghe e conchiglie], di cui il Museo d’Orsay possiede l’esemplare più riuscito.
A forma di rotolo, questo vaso è come percorso da ondulazioni a spirale, il cui movimento è accentuato dal decoro inciso. L’evocazione delle increspature del mare così creata fa da sfondo alle rappresentazioni di conchiglie ora incise, ora applicate, la cui presenza è talvolta rafforzata da frammenti di foglia d’oro nella pasta.

Come spesso in Emile Gallé, il colore scelto per evocare i fondali marini, nella fattispecie il rosso, non è affatto naturalistico.
I commentatori dell’epoca interpretarono in vario modo questa policromia : chi vi vide i resti di un relitto, chi la luce filtrata dalle alghe, dalle meduse o dai coralli, chi il luccichio del sole sulla superficie dell’acqua, chi i riflessi della madreperla… il che attesta l’unione tra la dimensione simbolica e la precisione naturalistica che caratterizza il lavoro di Gallé in questo periodo della sua esistenza.

Pertanto, i modelli acquatici sono stati per lui una fonte inesauribile di soggetti, di sfide artistiche e tecniche, ma soprattutto il pretesto per fare magistralmente sfoggio delle sue abilità di vetraio.




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare

Facebook
TwitterInstagramYouTube