Musée d'Orsay: Henry Peach Robinson She never told her Love

Henry Peach Robinson
She never told her Love

"She never Told her Love"
Henry Peach Robinson (1830-1901)
"She never Told her Love"
1857
Stampa su carta all'albumina ottenuta da un negativo su vetro al collodio umido
Cm 18x24,1
© Musée d'Orsay, dist. RMN-Grand Palais / Patrice Schmidt

She never told her Love


Miss Cindall, che diventera una delle protagoniste delle messe in scena fotografi che di Robinson, presta qui le sue fattezze gracili a una fi gura di giovane agonizzante consumata da un amore inconfessato, come illustra il verso tratto dalla Dodicesima notte di Shakespeare riportato sotto la stampa: “She never told her love”.

L’opera costituisce uno degli studi preliminari di una composizione magistrale, Fading Away, realizzata secondo la tecnica del combination printing appresa da Rejlander. Mediante l’associazione di cinque negativi diversi, Robinson costruisce una scena in cui questa bellezza virginale, vittima della tubercolosi – malattia contagiosa e all’epoca incurabile – trascorre gli ultimi istanti di vita circondata dai propri cari.

Le due immagini, presentate l’una accanto all’altra alla mostra fotografi ca tenutasi al Crystal Palace nel 1858, sanciscono il successo dell’autore, apprezzato tanto per la padronanza tecnica quanto per l’ambizione artistica della sua produzione.

Cosi collegate, le foto creano una sequenza narrativa che fa percepire al pubblico vittoriano come il male evocato nella stampa defi nitiva sia tanto morale quanto fi sico. Solo attraverso la morte, la giovane potra ritrovare l’innocenza perduta.


Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare

Facebook
TwitterInstagramYouTube