Musée d'Orsay: Tony Robert-Fleury L’ultimo giorno di Corinto

Tony Robert-Fleury
L’ultimo giorno di Corinto

L'ultimo giorno di Corinto
Tony Robert-Fleury (1837-1911)
L'ultimo giorno di Corinto
Prima di 1870
Olio su tela
Cm 400x600
© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski

L’ultimo giorno di Corinto


Nel 146 a.C. la città greca di Corinto cade nelle mani di Roma. Robert-Fleury raffigura il momento in cui l’esercito romano entra nella città saccheggiata.
Le donne di Corinto, temendo la sorte che sarà loro riservata, si rifugiano ai piedi della statua di Atena.

Il lavoro del giovane artista, che impiegò tre anni per terminare il suo dipinto di ventiquattro metri quadrati, viene premiato al Salon con una medaglia d’onore. La critica si mostra però severa nei confronti della tela: “Si guarda, si ammira, non si resta avvinti” (C. Lemonnier).




Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare

Facebook
TwitterInstagramYouTube