Musée d'Orsay: Il ruolo del mecenate

Il ruolo del mecenate

Il ruolo del mecenate

Cabina di vetro per il restauro in pubblico dell'Atelier du peintre [La bottega del pittore] di Courbet, realizzata con il generoso sostegno di Saint-Gobain© Musée d'Orsay / Sophie Crépy
La figura del mecenate rientra nella politica dinamica e innovativa condotta dal museo d'Orsay e dell'Orangerie per quanto riguarda il restauro di opere d’arte. Se uno degli obiettivi primari è proteggere, conservare e valorizzare il patrimonio culturale universale, coinvolgere quanti più cittadini possibile fa altrettanto parte degli impegni presi dall’Istituto.

Il generoso sostegno dei mecenati ha permesso di realizzare grandi progetti di restauro in presenza del pubblico, come nel caso dell'Atelier du peintre di Gustave Courbet e del Rimorso di Louis Baader. Ciò sarà ripetuto nel 2016 per Le donne galliche di Auguste-Barthélémy Glaize e la Carica di artiglieria della guardia imperiale a Traktir in Crimea, 16 agosto 1855 di Adolf Schreyer.
Simili iniziative mirano a sensibilizzare i visitatori sviluppando un ambizioso programma di mediazione, soprattutto per esplicitare tecniche, competenze e know-how dei restauratori.

In questa prospettiva, il mecenatismo si rivolge sia alle imprese che ai privati desiderosi di affermare il proprio impegno a favore della tutela patrimoniale.
Il successo dell’operazione di prestito partecipativo ha permesso di finanziare in parte il restauro dell'Atelier du peintre.

Dispositivo Giovani Talenti

Il dispositivo "Giovani Talenti", con l’appoggio di Crédit Agricole Ile-de-France e della Fondation du Crédit Agricole - Pays de France, rientra appieno nel piano della politica di restauro delle opere accademiche di formato medio e grande, intrapreso dal museo d’Orsay nel 2016. Questa iniziativa richiama in maniera esplicita i valori mutualistici di responsabilità e solidarietà dei mecenati oltre che gli impegni presi dal museo a favore del programma di restauro e del pubblico giovanile.

Tra gli obiettivi del dispositivo vi è quello di offrire agli studenti formatisi nelle professioni artistiche l’opportunità di vivere un’esperienza unica a contatto con l’équipe di conservatori e restauratori durante uno stage al museo d'Orsay. Gli enti con sede in Ile-de-France, come ad esempio l’INP, potranno sfruttare il dispositivo per facilitare la transizione dalla formazione accademica al mondo del lavoro.

“Ho avuto la fortuna di beneficiare di questo programma in una struttura rinomata come il museo d'Orsay. Così, per diverse settimane, ho potuto osservare le restauratrici di dipinti all’opera su alcuni capolavori della collezione. Le conoscenze acquisite nell’ambito di questo programma, che spaziano dalle tecniche di restauro al concetto di appalto pubblico, mi saranno utili durante tutta la mia carriera”, afferma uno dei "giovani talenti”.

Il museo organizza inoltre una Master class sul restauro dell’opera Carica dell’artiglieria della guardia imperiale a Traktir in Crimea, 16 agosto 1855 di Adolf Schreyer. Un’iniziativa inedita rivolta agli studenti provenienti da formazioni legate al restauro di opere d’arte, per far scoprire loro i retroscena di questo mestiere fuori dal comune. Durante l’incontro, gli studenti potranno assistere al lavoro dei restauratori sulla tela e approfondire così le loro conoscenze sia teoriche che tecniche sull’argomento.

Ringraziamenti

Il museo d'Orsay ringrazia calorosamente tutti i suoi mecenati per l’impegno e la passione dimostrati, che hanno contribuito in modo decisivo al restauro di opere emblematiche:

 

Mecenati del restauro dei quadri accademici di medio e grande formato

Mecenati e Partner del restauro dell'Atelier du peintre [La bottega del pittore], di Gustave Courbet

Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare

Facebook
TwitterInstagramYouTube