Musée d'Orsay: Dalle telefoni bianchi al Neorealismo

Dalle telefoni bianchi al Neorealismo

Il cinema italiano al tempo del fascismo

Ossessione© Rome, Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nationale
Nell'ultimo decennio fascista (1933-1943), l'industria cinematografica italiana conobbe un nuovo impulso, soprattutto grazie alla nascita degli studi di Cinecittà nel 1937.

A dominare la produzione dell’epoca non sono i film di propaganda ma generi o correnti che delineano, ognuno a suo modo, la realtà sociale e politica del paese.
Il più convenzionale è il cosiddetto cinema dei "telefoni bianchi", allusione ironica a un accessorio che ricorre spesso nelle commedie borghesi di allora, di cui tradisce l'irrealismo. Sulla scia dei kolossal del primo Novecento, sono realizzati anche degli impressionanti film storici.

Sempre in questo periodo fa la sua comparsa anche il calligrafismo, importante movimento estetico ispirato alla letteratura ottocentesca e caratterizzato da un rigoroso formalismo. Infine, a partire dagli anni '30, dei film maggiormente legati alle realtà sociali dell'Italia possono essere visti come le premesse del Neorealismo, di cui Ossessione segnerà l'avvento.

5 - 11 giugno 2015
Museo d'Orsay
Auditorium niveau -2

 
Mussolinia di Sardegna
Regia: Raffaello Matarazzo
Italia, 1931, 13 min.


Treno popolare
Regia: Raffaello Matarazzo
Italia, 1933, 62 min.

V.O. sottotitolata
Sceneggiatura: Gastone Bosio, Raffaello Matarazzo, Gino Mazzuchi
Con: Marcello Spada, Lina Gennari, Carlo Petrangeli



ven 5 giugno 2015 - 20h00
Museo d'Orsay
Auditorium niveau -2

 
1860
Regia: Alessandro Blasetti
Italia, 1934, 80 min.

V.O. sottotitolata
Sceneggiatura: Emilio Cecchi, Gino Mazzucchi, Alessandro Blasetti, dal romanzo di Gino Mazzucchi
Con: Giuseppe Gulino, Aida Bellia, Gianfranco Giachetti

 



sab 6 giugno 2015 - 16h00
Museo d'Orsay
Auditorium niveau -2

 
Il signor Max
Regia: Mario Camerini
Italia, 1937, 84 min.

V.O. sottotitolata
Sceneggiatura: Mario Camerini, Mario Soldati
Con: Vittorio De Sica, Assia, Rubi Dalma



sab 6 giugno 2015 - 19h00
Museo d'Orsay
Auditorium niveau -2

 
La corona di ferro
Regia: Alessandro Blasetti
Italia, 1941, 108 min.

V.O. sottotitolata
Sceneggiatura: Alessandro Blasetti, Renato Castellani, Corrado Pavolini
Con: Massimo Girotti, Gino Cervi, Elisa Cegani

 



dom 7 giugno 2015 - 16h00
Museo d'Orsay
Auditorium niveau -2

 
Quattro passi fra le nuvole
Regia: Alessandro Blasetti
Italia, 1942, 90 min.

V.O. sottotitolata
Sceneggiatura: Cesare Zavattini, Piero Tellini, Aldo De Benedetti, Alessandro Blasetti
Con: Gino Cervi, Adriana Benetti, Carlo Romano



dom 7 giugno 2015 - 19h00
Museo d'Orsay
Auditorium niveau -2

 
Maddalena, zero in condotta
Regia: Vittorio De Sica
Italia, 1940, 79 min.

V.O. sottotitolata
Scénario : Ferruccio Biancini, d’après une pièce de László Kádár
Avec : Vittorio De Sica, Vera Bergman, Carla Del Poggio

 



mar 9 giugno 2015 - 20h00
Museo d'Orsay
Auditorium niveau -2

 
Malombra
Regia: Mario Soldati
Italia, 1942, 132 min.

V.O. sottotitolata
Sceneggiatura: Mario Bonfantini, Renato Castellani, Ettore Margadonna, Tino Richelmy, Mario Soldati, dal romanzo di Antonio Fogazzaro
Con: Isa Miranda, Andrea Cecchi, Irasema Dilian

 



mer 10 giugno 2015 - 20h00
Museo d'Orsay
Auditorium niveau -2

 
Ossessione
Regia: Luchino Visconti
Italia, 1943, 140 min.

V.O. sottotitolata
Sceneggiatura: Mario Alicata, Giuseppe De Santis, Gianni Puccini, da Il postino suona sempre due volte di James M. Cain
Con: Massimo Girotti, Clara Calamai, Dhia Cristiani

 



gio 11 giugno 2015 - 20h00
Museo d'Orsay
Auditorium niveau -2

Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare

Facebook
TwitterInstagramYouTube