Musée d'Orsay: il Neoimpressionismo, da Seurat a Paul Klee

il Neoimpressionismo, da Seurat a Paul Klee

Henri-Edmond Cross (1856-1910)
 La chevelure [La capigliatura]
 1892 circa
 Olio su tela
 Cm 61 x 46 
 Parigi, museo d'Orsay
Henri-Edmond CrossLa capigliatura© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / DR
Desiderosi di trarre dalle norme impressioniste un'arte più riflessiva, Seurat e Signac presentarono al pubblico sin dal 1886 le prime dimostrazioni del metodo divisionista, in grado di assicurare la massima luminosità nelle composizioni sapientemente ordinate. L'esempio doveva convincere sia Pissarro, sia la giovane generazione, Van Gogh, Dubois-Pillet o Charles Angrand.Questa mostra, seguendo le ramificazioni del movimento fino all'espressionismo tedesco a al futurismo italiano, sottolinea anche il centenario del fauvismo, che rese ancor più incandescente l'impatto dei toni puri e la predilezione per "il colore in quanto tale" (Matisse).

Coordinatori


Serge Lemoine, Presidente dell'istituto pubblico del museo d'Orsay e Marina Ferretti-Bocquillon, storica dell'arte

Media partnership

15 marzo - 10 luglio 2005
Museo d'Orsay

Sale riservate alle mostre temporanee


Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare

Facebook
TwitterInstagramYouTube