Musée d'Orsay: Aubrey Beardsley (1872-1898)

Aubrey Beardsley (1872-1898)

Frédérick Evans
 (1853-1943)
 L'illustratore Aubrey Beardsley di profilo, le mani al mento
 1895
 Stampa al platino
 Cm 15 x 10 
 Parigi, museo d'Orsay
Frédérick EvansL'illustratore Aubrey Beardsley © RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Christian Jean
Aubrey Beardsley (1872-1898) scompare all’età di venticinque anni, in piena ascesa. La grande diffusione dell’opera di questo artista prolifico ne ha fatto una figura centrale della scena londinese dell’ultimo decennio dell’Ottocento. Questa è la prima mostra monografica dedicatagli in Francia, la prima degna di nota anche a livello europeo dopo quella del Victoria & Albert Museum nel 1966.

Aubrey Beardsley ha vent’anni quando riceve la sua prima commessa importante da parte dell’editore J.M. Dent: si tratta dell’illustrazione de La morte di Artù di Thomas Malory, per la quale realizza diverse centinaia di disegni. A partire da quel momento, egli inizia a vivere della propria arte e nell’arco di pochi anni vedrà proliferare i suoi lavori attraverso la produzione editoriale inglese: riviste, antologie, poesie, romanzi…Tra le sue illustrazioni più celebri spiccano quelle realizzate per la Salomè di Oscar Wilde.

Les dessins de cette figure originale de l'Angleterre fin-de-siècle, dessins vifs et virtuoses, en noir et blanc, mettent en scène un univers étrange, érotique, audacieux et anticonformiste. Son style très personnel, aisément reconnaissable, allié à la large diffusion de ses travaux, font de lui un phénomène, à tel point que le critique Max Beerbohm qualifie les années 1890 à Londres de "Beardsley PeriodI disegni ‒ vividi e virtuosi, in bianco e nero ‒ di questa mente originale dell’Inghilterra di fine Ottocento mettono in scena un universo strano, erotico, audace e anticonformista. Il suo stile personalissimo, facilmente riconoscibile, unito alla larga diffusione dei suoi lavori, ne fanno un vero e proprio fenomeno, tanto che il critico Max Beerbohm ha definito gli anni londinesi del 1890 come il «Beardsley Period».br />
La mostra tratteggia il percorso di questo artista straordinario, dalle sue prime realizzazioni pubblicate nel 1891 fino alle ultime opere nel 1898. Oltre a un centinaio di disegni originali di Aubrey Beardsley, saranno esposti anche alcuni esemplari delle edizioni originali di queste illustrazioni e una selezione di locandine, per mostrare in che modo si diffondeva l’opera di questo personaggio fuori dal comune.


Commissari

Leïla Jarbouai, conservatrice delle arti grafiche del Museo d’Orsay, Elise Dubreuil, conservatrice delle arti decorative al Museo d’Orsay, Caroline Corbeau-Parsons, Curatrice, arte britannica 1850-1915 alla Tate Britain


Mostra organizzata dai musei d’Orsay e de l’Orangerie, Parigi, e dalla Tate Britain, Londra.

Mostra presentata alla Tate Britain, dal 4 marzo al 12 settembre 2020

Tutti mecenati. Aziende e privati, sostenete questa mostra con un clic.

13 ottobre 2020 - 10 gennaio 2021
Museo d'Orsay

Aumentare la fonte Diminuire la fonte Stampare

Facebook
TwitterInstagramYouTube