Musée d'Orsay: L'opera d'arte e la sua riproduzione fotografica

L'opera d'arte e la sua riproduzione fotografica

fotografia
Stephen ThompsonArianna assopita (Città del Vaticano)© Musée d'Orsay, dist. RMN-Grand Palais / Patrice Schmidt
La riproduzione delle opere d'arte è considerata, dall'annuncio dell'invenzione di Daguerre, come un argomento di primaria importanza per la fotografia.La precisione della nuova invenzione è lodata, anche dai suoi detrattori. La fotografia permette, a quanto pare, una fedeltà totale con l'originale che l'incisione non è in grado di raggiungere.

Malgrado le sue presunte qualità, un gran numero di difficoltà si presentano: l'illuminazione delle opere, la capacità di riprodurre per intero e in modo omogeneo un grande formato e soprattutto il colore che la fotografia non è in grado di riprodurre fino alla fine del XIX secolo. Tuttavia, molti sono gli artisti che cercano di fare fotografare le loro opere; Courbet si cimenta nell'impresa sin dal 1853, per conto suo e in modo isolato, tentativo che però non lo soddisfa affatto; Gérôme, invece, raggiunge risultati eccellenti aiutato in questo dalla ditta di Goupil di cui è il genero.

Le fotografie scelte, dal dagherrotipo all'autocromo, mostrano pitture ma anche sculture o architetture. L'influsso fondamentale che la riproduzione fotografica ha avuto sulla storia del gusto grazie alla diffusione delle opere, sarà così ricordata.

Coordinatori della mostra


Dominique de Font-Réaulx, conservatrice del museo d'Orsay e Joëlle Bolloch, responsabile degli studi documentari presso il museo d'Orsay

pubblicazione

L'opera d'arte e la sua riproduzione
5 continents / Museo d'Orsay
10 €

27 giugno - 24 settembre 2006
Museo d'Orsay
Salle 8 c

Galleria fotografica


Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare

Facebook
TwitterInstagramYouTube